Turismo, hotel si preparano a boom di turisti russi

Grazie alla crescita della classe media e al rafforzamento del potere d’acquisto, la Russia sta vivendo un boom senza precedenti nel settore dei viaggi, secondo una ricerca di Hotels.com. Il sito ha infatti pubblicato oggi il Russian International Travel Monitor (Ritm), studio sugli albergatori di 37 Paesi del mondo. Quasi la metà (il 49%) degli albergatori di tutto il mondo ha visto un aumento del numero di ospiti russi nel corso dell’ultimo anno, e il 54% ha registrato un aumento delle prenotazioni di oltre il 10%.

La Russia è oggi il secondo mercato a più rapida crescita in termini di spesa nel settore dei viaggi outbound, con un incremento del 32% nel 2012, e un valore raddoppiato dal 2005. Il Ritm analizza come gli albergatori stanno reagendo a questa rapida crescita, che l’anno scorso ha visto i Russi spendere 43 miliardi di dollari in viaggi all’estero, rendendo la Russia il quinto mercato a livello globale nel settore dei viaggi.

Nel 2012, 35,7 milioni di turisti provenienti dalla Russia hanno fatto un viaggio all’estero, mentre nel 2006 erano stati soltanto 7,7 milioni. Il Paese è diventato quindi uno dei mercati a più rapida crescita per molte destinazioni e il segmento dei viaggi dalla Russia ha una previsione di crescita media del 7,5% all’anno fino al 2017. Con una popolazione di oltre 140 milioni di persone, c’è però ancora una grande fetta di mercato all’interno del segmento dei viaggi all’estero, che causerà un aumento della domanda per diversi tipi di vacanze e per nuove destinazioni, e che sicuramente avrà un grande impatto sul mondo del turismo.

Anche l’Italia sta registrando un aumento del numero di turisti russi anno dopo anno, con una crescita dai 438.000 del 2008 al 1.050.000 del 2012. Il 43% degli albergatori dichiara che i russi stanno spendendo sempre di più per i propri viaggi, oltre a diventare sempre più sicuri di sé e indipendenti e ad aver migliorato le proprie capacità linguistiche. Il 53% dei viaggiatori ha prenotato il proprio soggiorno online e solo il 32% ha invece optato per un’agenzia di viaggi tradizionale.

Il 92% degli albergatori intervistati da Hotels.com si aspetta una crescita del volume di ospiti russi nei prossimi tre anni e per questo molti stanno apportando dei cambiamenti per offrire un servizio sempre migliore. Quasi un terzo degli albergatori (il 32%) ha già iniziato ad offrire la possibilità di vedere canali televisivi russi e il 23% ha assunto personale che parla in russo, mentre il 12% ha in programma di farlo. Per essere sicuri di offrire un ottimo soggiorno, il 15% degli albergatori ha intenzione di offrire materiali di benvenuto tradotti (il 20% lo fa già) e un ulteriore 15% offrirà guide turistiche tradotte. Un albergatore su dieci, inoltre (11%), ha in previsione di iniziare a servire cibo russo.