Quirinale, Berlusconi in riunione perenne. Fi, ‘noi Mattarella non lo votiamo’

Girandola di incontri per Silvio Berlusconi che da questa mattina è in riunione perenne a palazzo Grazioli per fare il punto sull’elezione del prossimi Capo dello Stato. A via del Plebiscito l’ex capo del governo ha incontrato Gianni Letta e Fedele Confalonieri e lo stato maggiore del partito. I contatti non sono interrotti nemmeno con Palazzo Chigi, l’ex premier e il capo del governo hanno in programma una telefonata, e non e’ ancora escluso che nell’arco della giornata Renzi e Berlusconi possano incontrarsi.

Intanto Daniela Santanchè, berlusconiana doc, a Omnibus su La7 commenta: “credo che i giochi sul presidente della Repubblica non siano assolutamente fatti. E’ rischiosissimo per Matteo Renzi fare il presidente della Repubblica senza l’accordo con Silvio Berlusconi e Forza Italia. Se non viene eletto Mattarella, Renzi deve fare le valigie e andare a casa". "Se Renzi – ha proseguito la parlamentare – fa un gesto di arroganza, andando oltre il Patto del Nazareno, non sarebbe corretto. Io credo che oggi ognuno deve metterci il massimo della responsabilita’: deve lavorare per fare di tutto perche’ vengano rispettati i patti. Quanto ci e’ costato in termini di consenso il Patto del Nazareno? Ci e’ costato lacrime e sangue, ma noi siamo un’opposizione patriottica e responsabile".

Francesco Paolo Sisto, deputato di Forza Italia e presidente della commissione Affari costituzionali della Camera: “Mattarella non e’ un nome di nostro gradimento: non lo voterei io e nessuno del mio partito, e’ un problema ideologico e non personale". "Per usare una metafora calcistica, ieri si e’ fatta pretattica, oggi, dopo che si vedranno in tarda mattinata Renzi e Berlusconi, spero che si faranno le formazioni ufficiali e si giochera’ la partita". "Si sta lavorando per trovare un candidato di comune intesa, non credo che ci sara’ una prova di forza del Pd. Se ci fosse, comporterebbe delle gravi ripercussioni sul percorso della legislatura e qualcuno dovra’ assumersene le responsabilità”.