Italiani all’estero, Sottosegretario Merlo a Londra inaugura il primo Sportello Assistenza Brexit

In tempi di Brexit, a Londra uno sportello per gli italiani. Il consolato apre le porte per aiutare i connazionali

Operativo da oggi nel Consolato generale d’Italia a Londra il primo Sportello Assistenza Brexit, concepito per dare assistenza – con l’aiuto di personale messo a disposizione da associazioni e patronati – ai connazionali residenti nel Regno Unito piu’ anziani e con minore dimestichezza digitale chiamati a registrarsi presso l’Eu Settlement Scheme, ossia il registro informatico ad hoc creato dal ministero dell’Interno britannico per garantire ai cittadini europei gia’ residenti nel Paese fino al 30 giugno 2021 di mantenere gli stessi diritti attuali anche dopo la Brexit.

Ad inaugurare l’iniziativa, alla presenza del Console Generale Marco Villani, è stato il Sottosegretario agli Esteri, Sen. Ricardo Merlo, in missione ufficiale nel Regno Unito, insieme al Direttore generale per gli italiani all’estero alla Farnesina, Luigi Vignali.

Merlo, che durante l’evento ha parlato di un rinnovato “impegno di questo governo per gli italiani all’estero”, domani sarà a Manchester per scegliere la sede del nuovo Consolato locale. Apertura, ha ricordato lo stesso Sottosegretario, che si affianca a quelle recenti di Tenerife, in Spagna, e Vitoria, in Brasile, e ad altre che seguiranno nel continente americano e in Africa.

L’esponente del governo italiano ha inoltre evidenziato non solo l’inversione di tendenza “in questa legislatura” rispetto alle 54 chiusure di sedi consolari registrate dal 2010, ma anche l’assunzione di 477 persone dopo “20 anni di tagli”.