Made in Italy, boom di formaggi italiani all’estero: +8%

Le esportazioni di formaggi e latticini italiani all’estero in quantita’ sono aumentate dell’8% per effetto della reputazione di alta qualita’ conquistata a livello internazionale. Cosi’ la Coldiretti relativamente al primo semestre del 2015, in occasione di Cheese 2015 organizzata da Slow Food e citta’ di Bra’. Circa i ¾ della produzione esportata sono destinati al mercato comunitario dove si registra un incremento del 10% con addirittura un leggero aumento del 2% anche a casa dei tradizionali concorrenti francesi.

Fuori dall’Europa i principali acquirenti sono gli Stati Uniti dove l’incremento e’ stato del 18% ma le produzioni nostrane vanno forte anche in Cina (+39%). Risultati incoraggianti favoriti anche dal fatto che con gli ultimi riconoscimenti salgono a 48 i formaggi a denominazione di origine protetta (Dop) tutelati dall’Unione Europea con l’Italia che sorpassa la Francia ferma a 45 ed e’ diventata leader europeo e mondiale nella produzione casearia di qualita’. La sfida tra Italia e Francia nella produzione di formaggi ha radici lontane e se Charles De Gaulle si chiedeva come governare la Francia che ha piu’ formaggi che giorni nel calendario, la situazione non gli sarebbe parsa certamente piu’ facile in ltalia che di formaggi tradizionali censiti dalle Regioni ne ha ben 487 che si aggiungono a quelli denominazione di origine protetta (Dop) ai quali e’ destinato circa la meta’ del latte consegnato dagli allevamenti italiani (45,5% per circa 50 milioni di quintali). Il vantaggio tricolore sulla Francia e’ ancora piu’ eclatante se si considerano le quantita’, con la produzione di formaggi a denominazione di origine italiano che e’ vicina a 500 milioni di chili, praticamente il doppio di quella realizzata dai cugini d’oltralpe. Cosi’ in un comunicato la Coldiretti.

E lo schiaffo brucia ancora di piu’ se si considera che a fronte dell’aumento delle esportazioni di formaggi italiani in Francia, quelle dei formaggi francesi in Italia sono in leggero calo nel primo semestre del 2015. Nonostante questi primati produttivi, gli italiani con 20,7 chilogrammi per persona all’anno sono solo settimi nel mondo per consumo di formaggi preceduti dai francesi con 25,9 chilogrammi a testa, ma anche da islandesi, finlandesi, tedeschi, estoni e svizzeri. Ma a preoccupare e’ anche la qualita’ dei formaggi venduti in Italia al di fuori delle denominazioni tutelate, con quasi la meta’ delle mozzarelle che sono fatte con latte o addirittura cagliate provenienti dall’estero, anche se nessuno lo sa perche’ non e’ obbligatorio riportarlo in etichetta. Il primato italiano e’ messo anche a rischio del diktat dell’Unione Europea che vuole imporre all’Italia di liberalizzare l’utilizzo del latte in polvere nei formaggi fino ad ora vietato da una legge nazionale. Il 29 settembre scadra’ l’"ultimatum" fissato dalla Commissione Europea sulla richiesta all’Italia di porre fine al divieto di detenzione e utilizzo di latte in polvere, latte concentrato e latte ricostituito per la fabbricazione di prodotti lattiero caseari previsto storicamente dalla legge nazionale. La lettera di "diffida" della Commissione Europea sull’infrazione n.4170 vuole imporre all’Italia di produrre "formaggi senza latte" ottenuti con la polvere con il rischio di far sparire 487 formaggi tradizionali censiti dalle Regioni italiane ottenuti secondo metodi mantenuti inalterati nel tempo da generazioni. Una eventualita’ contro la quale ha preso posizione lo stesso primo Ministro Matteo Renzi che ha adottato simbolicamente i formaggi italiani nel corso della giornata dell’agricoltura italiana promossa dalla Coldiretti ad Expo, conclude la Coldiretti.