Argentina, è scontro aperto tra Cristina Kirchner e i giudici

E’ scontro aperto fra Cristina Fernandez de Kirchner e la giustizia argentina, dopo che un magistrato ha aperto un’indagine riaccendendo le speculazioni sulla crescita del patrimonio familiare della "presidenta" durante i suoi due successivi mandati e quello precedente del marito, Nestor Kirchner. L’iniziativa ha scatenato l’ira dei settori pro governativi, che accusa il giudice di "golpismo attivo".

Tutto e’ cominciato quando il giudice Claudio Bonadio ha disposto la perquisizione della sede della Hotesur – societa’ di proprieta’ dei Kirchner, amministra gli alberghi che possiede in Patagonia – nel cuore di Buenos Aires, scoprendo che si trattava di un indirizzo falso e che la contabilita’ dell’azienda registrava una serie di irregolarita’. E cioe’ bilanci mai pubblicati, imprecisioni sulla sua composizione e incongruenze nelle dichiarazioni presentate alle autorita’ fiscali.

Pochi giorni dopo, lo stesso Bonadio ha chiesto all’ente fiscale Afip di consegnarli le dichiarazioni giurate sul patrimonio dei Kirchner – non solo Nestor e Cristina, ma anche il figlio Maximo, che gestisce alcune societa’ della famiglia – insieme a quelle di Lazaro Baez, un imprenditore diventato milionario grazie ad ingenti contratti pubblici, mentre e’ sospettato di aver trafugato all’estero milioni di dollari. Secondo un’inchiesta del quotidiano all’opposizione La Nacion, Baez ha pagato forti somme a Hotesur per prenotazioni fittizie nei suoi alberghi.

La risposta del governo e’ stata molto dura: il capo del gabinetto presidenziale, Jorge Capitanich, ha sottolineato in varie occasioni che l’inchiesta di Bonadio a suo avviso "risponde a un obiettivo politico" ed e’ "funzionale agli interessi di gruppi economici" per destabilizzare il governo di Kirchner. Dunque in sintesi, e’ "golpista". Il sottosegretario alla Giustizia, Julian Alvarez, ha denunciato Bonadio presso il Consiglio della Magistratura, accusandolo di aver ecceduto il suo mandato per distrarre l’attenzione pubblica da altre inchieste di cui e’ oggetto.

Quando la deputata Margarita Stolbizer (opposizione di centrosinistra) ha chiesto di riaprire un’indagine per accertare un possibile "arricchimento illecito" della presidente, un suo collega ‘kirchnerista’ ha reagito denunciandola per lo stesso delitto. La stessa Kirchner e’ intervenuta personalmente nello scontro, annunciando su Twitter che "questa ‘presidenta’ non sara’ricattata da nessun avvoltoio finanziario ne’ da nessun uccello da rapina giudiziario", alludendo allo scontro sui "tango bond" fra il suo governo e gli hedge fund Usa noti come "fondi avvoltoio". A un anno dalla fine del mandato di Kirchner -che non puo’ presentarsi per un terzo mandato- e con un panorama ancora confuso, lo scontro politico a Buenos Aires sembra essersi spostato nelle aule di giustizia.