Usa, mozzarella per non far gelare le strade – di Roberto Zanni

Arriva soprattutto dal formaggio italiano: mozzarella in primis, uovo e poi provolone e parmigiano. Avete presente quella soluzione di acqua e sale che serve appunto per la produzione di alcuni dei formaggi nostrani più tipici? Quell’acqua, quella salamoia che una volta usata diventa scarto, ha trovato nel Wisconsin una nuova utilizzazione.

Una premessa: il Wisconsin è lo stato del formaggio degli USA, al punto che gli abitanti sono chiamati ‘cheesehead’, teste di formaggio, in modo dispregiativo, ma almeno nello sport, quel nickname è stato trasformato quasi in un simbolo. I tifosi dei Green Bay Packers, la squadra di football americano, i loro copri capi caratteristici li hanno proprio a forma di fetta di groviera. Ecco che allora l’idea non poteva arrivare che dal Wisconsin: usare quella soluzione di acqua e sale per non far gelare le strade. Se dappertutto si usa un’apposita soluzione salina, nel Wisconsin, in Polk County, dal 2009 invece hanno creato un nuovo mix, 30% del solito sale, il resto la salamoia del formaggio. L’idea l’ha avuta Emil ‘Moe’ Norby, un addetto della Polk County Highway Commission, che si occupa di autostrade; visto che da quelle parti l’inverno oltre a essere lungo è davvero rigido, ecco che il problema delle strade ghiacciate si presenta, puntuale ogni anno. Così nello stato del formaggio Mr. Norby ha pensato di utilizzare quella parte che, nelle aziende casearie, e sono tante, una volta usata deve essere eliminata.

Spende soldi per disfarsi di quella salamoia chi produce formaggio, spendono soldi le contee per acquistare sale per le strade: ecco allora l’illuminazione che in un colpo solo può fare felici gli uni e gli altri. E dal 2009 è partito l’esperimento-formaggio, che ha avuto successo, al punto che l’idea si sta propagando anche in altre contee, come a Milwaukee, perché quello che fa la differenza sono i conti e alla fine della prima stagione Polk County ha risparmiato 40.000 dollari in acquisto di sale e al tempo stesso altri risparmi, circa 30.000 dollari, sono arrivati per la F&A Dairy, la azienda casearia locale che non ha dovuto spedire gli scarti alle compagnie addette allo smaltimento.

"Tutti hanno vinto" ha detto con un bel sorriso Chuck Engdahl, manager della società che produce formaggi. Certo c’è da mettere in preventivo un certo odore che si può sentire nelle strade durante i freddi inverni. "Ma cosa c’è di meglio che mettere un po’ di odore di mozzarella?" ha detto scherzando, ma non troppo John Umhoefer della Wisconsin Cheesemaker’s Association. C’è da dire anche che il formaggio italiano, come detto mozzarella e parmigiano in particolare, è diventato molto popolare nel Wisconsin, grazie anche all’arrivo, oltre trent’anni fa, di Errico Auricchio, che lì ha Creato la BelGioioso, azienda casearia specializzata proprio nella produzione di formaggi made in Italy, ma sul territorio americano. Così soprattutto la mozzarella è diventata popolare sulle tavole degli americani e la sua ‘acqua mista sale’ se fino a poco tempo fa era solo un problema, costoso, di cui bisognava liberarsi, adesso ha trovato una nuova utilizzazione.

Recentemente il Milwaukee Department of Public Works ha reso noto il proprio entusiasmo per il formaggio nelle strade… "Le nostre strade – è stato sottolineato – odorano come il Wisconsin". Già di formaggio… Ma non si tratta poi solo di una maniera di risparmiare sul bilancio, privato o pubblico che sia, ma sembra anche che l’efficacia della nuova soluzione sia superiore a quella del vecchio sistema solo-sale. Infatti la salamoia della mozzarella, e dei formaggi in generale, si gela a -29 gradi centigradi, contro – 21 del sale, ma non è l’unico vantaggio. Mr. Norby, l’ideatore di questa nuova miscela, ha anche sottolineato che lo spargimento del sale porta a una perdita del 30% dello stesso (in quanto finisce fuori dalla carreggiata), mentre questa percentuale con il formaggio è pari allo 0. Ecco che allora dal Wisconsin la nuova soluzione potrebbe allargarsi ad altre zone dove il formaggio viene prodotto in una certa quantità e visto che si tratta di risparmi che possono avere una discreta incidenza sui bilanci comunali, che ogni anno diventano sempre più esigui, anche dall’Italia potrebbero chiedere informazioni: le mozzarelle le fanno dappertutto e un po’ di formaggio in strada potrebbe diventare anche la caratteristica di una zona, oltre che a garantire agli automobilisti starde più sicure, anche d’inverno.