Sesso, spopola Ashley Madison: è il tradimento 2.0 – di Simona Aiuti

Con almeno trentasei milioni di iscritti, che secondo le stime sono destinate a crescere in modo esponenziale, almeno quanto le corna che troneggiano sui partner, e al momento ben 115 milioni di ricavi, “Ashley Madison” è un’agenzia di dating online per persone sposate o quanto meno impegnate e sta anche per essere quotata in borsa.

Come funziona Ashley Madison? Il meccanismo è piuttosto semplice tutto sommato, bisogna indicare se si è un uomo o una donna, se si ha una relazione in corso e il tipo di partner che si sta cercando. E’ necessario inserire i propri dati, un indirizzo e-mail, nome, password e varie informazioni personali come altezza, peso, colore degli occhi e dei capelli. Viene poi richiesto di inserire una o più foto; le migliori sono segrete e servono come specchietto per le allodole.

Poi gli iscritti possono inviarsi messaggi, c’è una chat, ma la differenza sostanziale rispetto ad altri siti per incontri è che nel caso di Ashley Madison si parla esplicitamente di persone già in una relazione che vogliono tradire il loro partner, o che comunque cercano una relazione senza impegno, e diciamocelo pure senza ipocrisia e senza i panegirici che si fanno su Facebook. Questo aspetto viene ribadito in più sezioni del sito, in parte anche per motivi di visibilità sui motori di ricerca, dove una masnada di potenziali traditori con il tanga in mano, vanno all’assalto con la baionetta viagramuniti e una sfilza di milf e cougar hanno il tacco dodici zeppa munito a fare il tagliando dal ciabattino!

Il battage pubblicitario continua con mantra del tipo “la vita è breve, meglio farsi un’avventura”, quindi nulla di  nuovo sotto il sole, è solo un sistema efficiente per avere varie relazioni, saltando anche il vecchissimo corteggiamento, dunque non sarà l’imbarbarimento del tradimento? Non sarà svilirlo del tutto da un barlume piccante? Un po’ di patema d’animo del tipo “cielo mio marito” attiva adrenalina e coronarie o no?

Dunque se per secoli e millenni i ricavi ingenti della prostituzione hanno definito chiaramente che il tradimento rende moltissimo, ora con la quotazione in borsa, “l’affare tradimento” esce un po’ allo scoperto. Non sarà mica che ora scenderanno le prostitute in piazza perché gli si sfila una fetta di mercato? Dopo la nostalgia dei casini, ci sarà quella della donnina sotto il lampione o sulla tangenziale?

Il sito permette ai membri di non dare il proprio vero nome, indirizzo e numero di telefono, e vorrei vedere il contrario. Offre una grandissima libertà e l’opportunità di farsi un’amante in modo semplice, un po’ come comprare un vibratore su Amazon, solo che non va a pile, non devi nasconderlo nel cassetto del comodino e quando ti stanchi non devi nemmeno chiederti se va nel secco o nella plastica. Si tratta di relazioni “una tantum”, considerando che chi tradisce abitualmente il partner o comunque è deciso a farlo o lo farebbe anche se non esistesse questo tipo di agenzia, la quale dà il vantaggio di organizzare gli incontri, garantendo che non ci saranno sgradevoli conseguenze: quello che si richiede ad un amante discreto no?

L’Italia certamente non è fanalino di coda tra i paesi iscritti, e molti/e fedifraghi/e probabilmente hanno l’impressione di essere un po’ come Pinocchio nel paese dei balocchi, o un bambino chiuso di notte in una gelateria.
Basta descrivere che tipo di uomo o donna ci piace, selezionando tra le varie opzioni disponibili. Con un click si specifica che relazione si sta cercando: extraconiugale, una notte di sesso senza complicazioni o una storia più profonda; un po’ come ordinare una pizza, infatti si usa la pausa pranzo.

I dati riscontrano come la maggior parte degli iscritti sia sposata o fidanzata e abbia tutto l’interesse per mantenere l’anonimato, ma va? La fase di iscrizione continua con una serie di domande sui gusti sessuali dell’utente e che altri gusti dovrebbero essere richiesti? Beh, io chiederei se l’uomo fa abitualmente la doccia, il bidet, e ogni quanto cambia i calzini e il mutandame. Sarò esagerata, ma se lo “ordino”, voglio che non russi e che dopo il congiungimento carnale evapori il più velocemente possibile. Chissà poi se la velocità d’azione andrebbe specificata solo in questo dettaglio!?

Se c’è interesse tra due utenti, questi possono iniziare ad approfondire la loro conoscenza, sbloccando anche sezioni del profilo volutamente tenute “segrete”, in cui sono caricate dagli utenti stessi foto un po’ più esplicite, che sia davvero la fine delle escort? E ora chi la consola Efe Bal?

C’è anche la possibilità di “recensire” gli utenti, mi domando in cosa consista esattamente? Misure? Durata delle prestazioni? Alito alle cipolle o ascella cadente e poco deodorata. Si raccomandano gli uomini che non parlano della moglie e della madre, o della squadra?

Gli iscritti commentano che è molto meglio vivere una relazione senza impegno che dia una ventata di freschezza in grado di riflettersi sul rapporto ufficiale, e poi meglio investire su una scappatella che su un divorzio!? Oddio, e se ci ritrovassimo una vagonata di avvocati disoccupati??