Notte tranquilla sull’Etna, dal governo subito 10 milioni di euro per l’emergenza [VIDEO]

I valori del tremore dei condotti interni del vulcano, che segnalano l'energia del magma in risalita, sono ulteriormente calati, attestandosi su dati che sono nella norma

Sull’Etna continua l’attività sismica, anche se nelle ultime ore si è abbassata notevolmente. E’ stata una terza notte tranquilla per il vulcano. L’eruzione in atto sull’Etna, iniziata il giorno della vigilia di Natale e che ha avuto il picco sismico col terremoto nel giorno di Santo Stefano, non impatta sull’aeroporto internazionale di Catania che continua a restare operativo.

L’Ingv ha registrato una serie di terremoti di intensita’ ulteriormente scemata, tutti di magnitudo inferiore a 2.0 e nessuno dei quali avvertito. Non sono stati registrati danni a cose o persone.

I valori del tremore dei condotti interni del vulcano, che segnalano l’energia del magma in risalita, sono ulteriormente calati, attestandosi su dati che sono nella norma.

Prosegue invece l’eruzione sommitale con la fase effusiva e le colate laviche che stazionano nella desertica valle del Bove. Resta inoltre ancora presente l’attivita’ stromboliana da crateri e bocche sommitali, con esplosioni e emissione di una vistosa colonna di gas e cenere lavica.

MUSUMECI “DANNI STIMATI IN 100 MILIONI”

“I fondi per la ricostruzione non sono stati definiti, e’ soltanto un acconto, mi e’ sembrato di capire. Con il Genio civile di Catania stiamo lavorando per avere una visione completa e piu’ esaustiva possibile dei danni causati che secondo prima previsione degli uffici ammontano a piu’ di 100 milioni di euro”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci dopo la dichiarazione dello stato di emergenza e lo stanziamento di 10 milioni deliberato dal Consiglio dei Ministri per i Comuni colpiti dal sisma.

“Abbiamo colto con piacere la prontezza del Governo nazionale – ha aggiunto Musumeci -, che intanto ha messo a disposizione un acconto, ma la gente vuole tornare nelle proprie case e questo impone al Governo nazionale di dovere mettere a disposizione del Commissario per la ricostruzione i fondi necessari, altrimenti avremo due volte questi cittadini inerti e inermi che oggi sono costretti a non potere rientrare a casa”.

DI STEFANO “GRAZIE A GOVERNO AIUTI IMMEDIATI PER CITTADINI”

“Per i comuni catanesi colpiti dal sisma nel giorno di Santo Stefano abbiamo stanziato 10 milioni di euro per fronteggiare immediatamente l’emergenza. Ce ne siamo andati dai territori etnei con una promessa di aiuto, oggi grazie alla tempestivita’ di Giuseppe Conte e alla concretezza di Luigi Di Maio ritorniamo con fondi e soluzioni pratiche. Ai problemi rispondiamo con i fatti. Questo e’ uno Stato che aiuta concretamente i propri cittadini”. Lo scrive su Facebook Manlio Di Stefano, sottosegretario agli Affari esteri.