MotoGP, Silverstone: Marquez uomo-pole, Lorenzo si arrende

Un vero e proprio duello e’ andato in scena a Silverstone nelle qualifiche del Gp d’Inghilterra, 12/a prova del mondiale MotoGp, con protagonisti Marc Marquez e Jorge Lorenzo, Honda contro Yamaha. I due spagnoli, che si sono studiati per due giorni, litigandosi i turni di prove libere, hanno dato vita ad un confronto serrato e personale, che il leader della classifica ha condotto in modo magistrale conquistando la quinta pole della stagione. Il campione del mondo ha cercato di imporre il suo ritmo, battendo giro dopo giro il suo stesso record della pista, pero’ Marquez ha giocato benissimo le sue carte stampando un 2’00”691 finale che non ha dato scampo all’avversario, unico pilota della MotoGP che puo’ pensare di contrastare il nuovo tiranno del Mondiale. Tutti gli altri sono irrimediabilmente indietro, almeno nel giro veloce, con Dani Pedrosa quinto e Valentino Rossi sesto, preceduti da Cal Cruchtlow e Stefan Bradl.

"All’inizio della sessione – ha detto Marquez – ho spinto molto, ma Lorenzo e’ stato subito piu’ veloce di me. Sono tornato in pista convinto di poter fare meglio e per fare il mio tempo ho preso dei bei rischi. Sono certo che Lorenzo scappera’ via come fatto a Brno, ma non sono poi cosi’ convinto di essere in grado di poterlo riprendere come domenica scorsa. Sono ancora convinto che il passo di Jorge sia migliore del mio, vediamo cosa accadra’".

"Sono rimasto sorpreso per il miglioramento del ritmo sul giro in qualifica – risponde Lorenzo – e’ stato un grande salto, quasi un secondo e mezzo. Quando ho visto il mio tempo sul giro sulla mia moto ho pensato di essere riuscito a fare la pole, ma la classifica mi ha deluso. Ho messo tutto il mio impegno, ma evidentemente non era abbastanza".

In terza posizione, il pilota di casa, l’inglese Cal Crutchlow, e’ riuscito a farsi vedere, ma il passo dei due davanti e del suo diretto inseguitore, Dani Pedrosa, non lo fanno stare tranquillo. Poche certezze anche per Valentino Rossi. Il compagno di squadra di Lorenzo, ha ora, come tutti, la certezza di avere davanti un vero fenomeno, il suo sesto tempo e’ lontano dalla pole di Marquez quasi un secondo e mezzo. "Non c’e’ mai stato – ha detto Rossi – nella storia del motorsport un debuttante come e’ Marquez. Per quanto mi riguarda non sono cosi’ felice per il distacco da Lorenzo e Marquez. Loro hanno fatto un lavoro fantastico, ma io sono contento della seconda fila. Il mio tempo sul giro e’ abbastanza veloce, ma soprattutto sono abbastanza soddisfatto di oggi perche’ abbiamo migliorato il setting della moto questo pomeriggio e per questo sono molto piu’ costante con ritmo. Ora dobbiamo cercare di fare un altro miglioramento, ho due o tre curve dove io non sono cosi’ forte e ci sono degli avvallamenti che mi rallentano". Con queste premesse, il mondiale della MotoGP si avvia ad essere una sfida a due, con 22 spettatori. Marquez e Lorenzo sembrano essere gli unici due allo stesso livello, almeno per ora.