Le migliori chef al mondo sono italiane: lo dice la guida Michelin 2015

La cucina italiana e’ donna: lo rivela la nuova Guida Michelin 2015, in uscita mercoledì, che premia con la sua celebre stella 47 donne chef che lavorano in Italia su un totale di 110 ‘stellate’ in tutto il mondo. L’edizione italiana numero 60 della pubblicazione gastronomica per antonomasia, presentata oggi a Milano, segna questo primato ma anche due conferme: gli 8 ristoranti a tre stelle del 2014 che mantengono anche nel 2015 il piu’ alto riconoscimento critico; e il secondo posto della ristorazione italiana fra le guide internazionali, con 332 locali stellati.

Non mancano tuttavia le novita’, con 2 ristoranti che guadagnano due stelle, 27 nuovi ristoranti stellati e 30 nuovi Bib Gourmand. I due locali che passano alle due stelle sono ‘Il Piccolo Principe’ di Giuseppe Mancino a Viareggio (Lucca) e la ‘Taverna Estia’ di Francesco e Armando Sposito a Brusciano (Napoli). Arrivano cosi’ a 29 gli esercizi che – secondo la definizione tradizionale – "meritano una deviazione". Nonostante la lusinghiera statistica sulla parita’ di genere in cucina, solo una chef donna compare fra i cuochi dei 27 nuovi locali stellati della Guida 2015: si tratta di Ilaria Di Marco, alla guida di ‘Le Tre Lune’ di Calenzano (Firenze) con Matteo Lorenzini e Tommaso Verni.

Le novita’ dell’anno testimoniano pero’ il rinnovamento della tradizione culinaria nostrana, con 11 chef under 35 premiati da Michelin. Fra le altre new entry del 2015 spiccano la ‘Macelleria Damini’ di Arzignano (Vicenza), il giapponese ‘Iyo’ a Milano, ‘L’Imbuto’ di Lucca, ‘Berton’ a Milano e ‘Del Campo’ a Torino. "Non possiamo fabbricare le stelle – ha detto a margine Michael Ellis, direttore internazionale delle Guide – ma l’Italia resta una delle destinazioni gastronomiche piu’ dinamiche al mondo". A dimostrarlo non solo i ristoranti di lusso, ma anche i 296 Bib Gourmand, locali che propongono menu completi a meno di 30/35 €. Ma l’attenzione ai prezzi si diffonde anche nei luoghi piu’ rinomati: sono infatti 16 gli stellati a presentare menu a meno di 25 €.

Fra le regioni piu’ premiate dalla Guida si conferma al primo posto la Lombardia, con 58 ristoranti (2 tre stelle, 6 due stelle, 50 stelle). Segue il Piemonte con 39 ristoranti segnalati, ma spiccano anche la Toscana e la Campania, che primeggiano per new entry. Roma e Napoli scalzano inoltre Bolzano dal posto di provincia con piu’ ristoranti stellati (20 in totale per i due capoluoghi). Fra i bocciati della Guida 2015 ‘Il Rigoletto’ di Reggiolo (gia’ due stelle, ora escluso), ‘Il Desco’ di Verona e ‘Il Pellicano’ di Porto Ercole (da due a una stella), mentre altri 23 ristoranti perdono l’unica stella, 7 dei quali per cessata attivita’.

Accanto alla guida tradizionale, Michelin lancia quest’anno anche un’app gratuita: disponibile dal 7 novembre per iOS e Android, l’applicazione conterra’ tutti i riferimenti e le recensioni dei ristoranti segnalati nel 2015, e permettera’ agli utenti di lasciare commenti personali, caricare foto della propria cena e condividere sui social network le proprie esperienze.