Imu, Maroni: giuste proteste Comuni, Regione Lombardia al loro fianco

"Le imprese chiedono l’attenzione che meritano. E Regione Lombardia ha messo in campo tante misure, per facilitare l’accesso al credito, per l’internazionalizzazione, per il pagamento dei debiti delle Pubbliche amministrazioni. Centinaia di milioni di euro messi a disposizione del nostro tessuto produttivo, uno sforzo importante, che però le imprese meritano". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, questa mattina, a Milano, prima di partecipare a un convegno di ‘Rete impose Italia’, in corso a Palazzo Turati.  

Fatta eccezione per "l’impegno dimostrato su Expo e sul tema infrastrutture", in particolare dal ministro Maurizio Lupi, "che ci sta dando una grande mano per realizzare le grande opere di cui la Lombardia ha bisogno", il governatore, rispondendo alle domande dei cronisti, non ha risparmiato critiche a Palazzo Chigi, soprattutto in merito all’Imu, schierandosi a fianco della protesta dei Comuni.

Le Amministrazioni locali, ha osservato Maroni, "sono giustamente in rivolta e penso possano arrivare ad azioni forti per far sentire la loro voce". "Regione Lombardia – ha detto – è a fianco dei Comuni lombardi, perché la loro battaglia è giusta. Non si può dire ‘cancelliamo l’Imu’, per poi costringere gli Enti locali ad aumentare la pressione fiscale. È una modalità sbagliata, che va corretta e stiamo studiando iniziative, anche con i Comuni, per far cambiare idea al Parlamento".