FASE 2 | Salvini: “Togliamo le autocertificazioni”. E sul governo: “Non durerà molto” [VIDEO]

“Lasciamo che polizia e carabinieri dopo due mesi, invece di fare i controllori di chi va a spasso col cane o di chi corre in spiaggia, tornino a fare la polizia e i carabinieri”

Matteo Salvini in un’intervista a Mattino Cinque parla della fase 2 dell’emergenza coronavirus ha detto: “Ieri il governo ha prodotto la sesta autocertificazione. Togliamo le autocertificazioni. Gli italiani hanno dimostrato nella stragrande maggioranza rispetto e buon senso, basta riempirli di moduli e modulini”.

“Si e’ visto in autostrada, non e’ che c’e’ l’esodo biblico. La gente ha capito che non bisogna scherzare con la salute. Togliamo queste autocertificazioni – spiega il leader del Carroccio – e lasciamo che polizia e carabinieri dopo due mesi, invece di fare i controllori di chi va a spasso col cane o di chi corre in spiaggia, tornino a fare la polizia e i carabinieri”.

L’esecutivo giallorosso? “Governano insieme e dicono tutti cose diverse. Penso che non potranno andare avanti a litigare all’infinito e non dureranno tantissimo. E’ come se hai tre persone in macchina: uno vuole andare a destra, uno a sinistra e uno fermarsi in autogrill… Noi stiamo preparando un’idea di Italia non per i prossimi tre mesi, ma per i prossimi vent’anni”.

Certo è che il governo dovra’ aiutare cittadini a ridurre importi ed allungare le scadenze, afferma il leader della Lega: “Abbiamo chiesto al governo date precise, impegni su mutui, affitti e bollette. Le assicurazioni, il bollo auto?”.

“Sono d’accordo” con l’apertura delle attivita’ in regioni come la Calabria “perche’ l’Italia ha dati diversi. Se in Calabria il contagio e’ sostanzialmente bloccato, con prudenza e intelligenza due persone a due metri di distanza con la mascherina possono bere un caffe’ al bar: non vedo il problema. Cosi’ si tutelano le attivita’ e si evita il rischio che un barista “fallisca o chieda alla malavita, che puo’ essere piu’ veloce dello Stato, i soldi”.