Brogli elettorali in Sudamerica, Porta (Pd): “La Camera a sostegno del mio diritto di denuncia”

“Messa in evidenza la battaglia che da oltre dieci anni sto conducendo a tutela del diritto del voto degli italiani all’estero e contro gli abusi e le ingerenze che in alcune occasioni lo hanno inquinato”

Fabio Porta

“Ringrazio i deputati che, con un voto pressocchè unanime sostenuto da tutti i gruppi parlamentari, hanno votato contro la richiesta di procedere nei miei confronti a seguito dell’ennesima querela ricevuta da un ex parlamentare in merito alle mie ripetute denunce sui brogli elettorali che in diverse occasioni avrebbero condizionato e stravolto l’esito del voto in Sudamerica”. Lo dichiara in una nota l’ex deputato dem Fabio Porta, attuale coordinatore Pd Sudamerica.

“La lunga e dettagliata relazione dell’On. Pettazzi a nome della Giunta per le immunità parlamentari della Camera dei Deputati e gli interventi dei rappresentanti di tutti i gruppi presenti in Parlamento hanno non solo ribadito che le mie denunce erano state espresse nel pieno esercizio del mio mandato di deputato, ma anche messo in evidenza la battaglia che da oltre dieci anni sto conducendo a tutela del diritto del voto degli italiani all’estero e contro gli abusi e le ingerenze che in alcune occasioni lo hanno inquinato”.

“Proprio in questi mesi la Giunta per le elezioni del Senato e la Procura della Repubblica di Roma stanno conducendo un importante lavoro di ricostruzione e indagine su quanto accaduto nel corso delle ultime elezioni e sono certo che l’esito di queste verifiche contribuirà non solo a chiarire quanto accaduto e a prendere gli opportuni e conseguenti provvedimenti, ma anche – conclude Porta – a ridare piena dignità e legittimità ad un diritto che non può continuare ad essere offuscato da ripetuti episodi di brogli e malversazioni”.