Wall Street Journal, ‘governo Letta paralizzato: Italia stabilità da cimitero?’

"L’Italia rischia di arrivare a una stabilita’ da cimitero?". La domanda retorica campeggia nel titolo di un’analisi a tutta pagina pubblicata sul Wall Street Journal, secondo cui, se e’ vero che il nostro Paese "ha fatto piu’ progressi di altri nel ripianare il proprio bilancio", e’ pero’ fermo sulle riforme perche’ il governo Letta "appare paralizzato dai contrasti politici fuori e dentro il Parlamento".

Il WSJ segnala che si tratta dell’unico Paese del Sud Europa che non ha incrementato la propria competitivita’ dall’inizio della crisi: "Ed e’ difficile comprendere come, con una crescita dell’1% scarso, possa centrare i target europei per il debito". Il governo punta molto sul lavoro del commissario Cottarelli, "ma nessuno e’ convinto, anche Monti ci aveva provato, ma non ha ottenuto nulla".

Tra i due scenari, quello di un governo Letta "senza catene" e quello di una vittoria di Matteo Renzi, ce n’e’ un terzo: che Renzi non riesca a "spodestare" Letta, sostenuto dal Parlamento e dal presidente Giorgio Napolitano, e che i due vengano trascinati "nella loro amara rivalita’, portando a un nuovo stallo politico che ostacoli le riforme". In questo quadro, "non sorprende che molti italiani – scrive il WSJ – temano che la stabilita’ offerta da Letta si riveli come quella di un cimitero".