Salvini leader del centrodestra? Forza Italia non ci sta: ‘piano, ragazzo’ – di Laura Neri

Dopo l’intervista a Matteo Salvini pubblicata dal quotidiano Libero, nella quale il leader della Lega Nord, senza tanti giri di parole, ha lanciato un messaggio chiaro: “mi prendo il centrodestra”, il partito di Silvio Berlusconi reagisce con forza. A dettare la linea è Il Mattinale, la nota politica redatta dallo staff di Forza Italia alla Camera. Salvini si prende il centrodestra? “Piano, ragazzo”, scrive la nota forzista. ”Questa pretesa di rifondare il centrodestra – avverte il ‘foglio azzurro’ – con un’identità a prevalenza leghista e tradizionalista, lasciando in ombra e ai margini di fatto l’esperienza di Forza Italia e la sintesi liberale e popolare di Silvio Berlusconi, è scorretta e velleitaria”.

Di certo “Salvini non può fare l’asso piglia tutto, Berlusconi ha una sua forza elettorale e politica inconfutabile. Attenzione però. Che l’asso piglia tutto lo sta facendo Renzi, soprattutto a destra. Serve sintesi e coesione – conclude la nota politica – tra le forze del centrodestra, non protagonismi sterili”.

Sullo stesso tono tutti gli interventi azzurri. C’è per esempio Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera, secondo cui “Matteo Salvini è di sicuro un combattente, ma deve sapere che la leadership del centrodestra non si conquista con una semplice rivendicazione”, “vent’anni di battaglie in Italia e in Europa” hanno consacrato Berlusconi come un “leader politico da cui nessuno puo’ prescindere".

Elena Centemero, deputata forzista: “Ci fa piacere che ci siano altre forze, oltre a noi, che lavorano alla costruzione di un centrodestra vincente, ma e’ chiaro che la leadership del Presidente Berlusconi rimane indiscussa". La deputata Laura Ravetto: “Con tutto il rispetto per le ambizioni di Matteo Salvini a decidere una leadership sono i consensi che, nel corso degli anni, si coagulano intorno ad essa. Silvio Berlusconi ha sempre raccolto milioni e milioni di voti ed e’ pertanto ‘nei fatti’ il leader del centrodestra”.

Deborah Bergamini, responsabile comunicazione di Forza Italia: “Se si vuole rilanciare il centrodestra, c’è un pericolo che va evitato: il prevalere dei personalismi e delle ambizioni personali. Avanti tutti insieme, ma con la consapevolezza che un conto sono i facili slogan lanciati da Matteo Salvini, altro conto è la costruzione di una proposta di governo seria, alternativa e vincente rispetto a quella della sinistra di Renzi”.

Fra gli intervenuti nel dibattito, l’ex ministro Gianfranco Rotondi: “Salvini e’ bravo, ma senza Berlusconi leader il centrodestra e’ destinato a diventar il sindacato giallo del regime renziano".