Salva la Casa d’Italia di Juiz de Fora, il CGIE ringrazia il Sottosegretario Merlo

Michele Schiavone, Segretario generale: “Il CGIE ringrazia l’intervento del sottosegretario Ricardo Merlo, la Farnesina, i Comites per la felice soluzione della triste vicenda”

Michele Schiavone, Segretario Generale del CGIE, si congratula con il Sottosegretario agli Esteri, Sen. Ricardo Merlo, che nelle scorse ore, con un suo personale intervento, è riuscito ad evitare la vendita della Casa d’Italia a Juiz de Fora, in Brasile.

“Apprendiamo da una nota pubblicata nei social da parte del Sottosegretario Ricardo Merlo che la vendita è stata bloccata e ce ne rallegriamo per la felicità della nostra Comunità nello Stato di Minas Gerais e per tutti i nostri connazionali, che hanno lavorato a tener viva la storia della Casa d’Italia di Juiz de Fora”, ha affermato Schiavone in una nota.

“Ricordiamo che questa struttura è stata per decenni il riferimento di primo approdo per i nostri emigranti sbarcati in Brasile dopo 40 giorni di viaggio in nave. Nella Casa d’Italia trovavano medici e ristoro prima di proseguire per altre città alla ricerca di lavoro”, ha continuato.

“Nelle ultime due settimane chi ha seguito questa vicenda ha vissuto giorni di fibrillazione, ma forte e decisiva è stata la volontà di affermare il diritto a quanto di più caro tiene assieme la cultura e il senso comunitario in quel territorio nella provincia brasiliana”, ha segnalato.

“Il CGIE – ha concluso Schiavone – ringrazia l’intervento del sottosegretario Ricardo Merlo, la Farnesina, i Comites per la felice soluzione della triste vicenda e esprime gratitudine alla Comunità italiana in Brasile che continua a valorizzare i propri riferimenti storici come quello della Casa d’Italia di Juiz de Fora”.