Riforme, Storace (La Destra): la vomitevole idea di Matteo Renzi

"Renzi ha un ulteriore, vomitevole colpo in canna. Blocchiamo solo i capilista e facciamo eleggere quelli che vengono dopo. Cioe’, ai cittadini restera’ solo di decidere chi arriva primo tra gli sconfitti. Ma si vergogna o no questo imbroglione che sta a palazzo Chigi?". E’ quanto scrive Francesco Storace, leader de La Destra, in un intervento pubblicato sul sito del partito, dal titolo "Il canguro di Grasso non salverà il Belpaese".

"Probabilmente – premette – ha ragione Giorgia Meloni quando nota che con l’Italicum in gestazione e senza preferenze, aumentera’ la massa di cittadini che non andranno piu’ a votare. Tanto piu’ che non c’e’ traccia di elezione diretta neanche del capo dello Stato. Il voto conta sempre di meno".

"La realta’ e’ ancora piu’ ampia e grave di quella vaticinata dalla leader di Fratelli d’Italia, perche’ le riforme stanno riguardando ormai solo la ristretta platea degli addetti ai lavori. Ancora meno incitamenti ad esprimere il consenso elettorale verranno da ben altro, ovvero la mazzata fiscale che ci arrivera’ tra capo e collo in autunno: una quarantina di miliardi. Di euro, non di preferenze, e l’Italia stramazzera’ al suolo".

"Il governo Renzi – conclude – e’ palesemente incapace di affrontare i nodi dell’economia e stanno li’ a testimoniarlo i dati drammatici sulla disoccupazione e quelli scottanti sulla mancata crescita. Il prodotto interno lordo non fa un passo in avanti, le imprese muoiono. Vorremmo vedere un’opposizione incalzante anziche’ un ceto politico fermo nel tentare di capire quanto durera’ la propria sopravvivenza".