Ncd pronto ad allearsi col Pd, ‘un nuovo centro con Renzi’

Fabrizio Cicchitto in una intervista al Mattino spiega che è venuto il momento per Ncd di cambiare strada, passo e nome. "Siamo a metà legislatura, alcune situazioni vanno affrontate di petto. Il centrodestra si va ristrutturando su una linea estremista, non c’è più l’idea di uno schieramento omnicomprensivo ed equilibrato. Dunque, serve il cambio di passo per costruire un centro reale, senza timidezza. Credo che anche gli amici dell’Udc siano d’accordo".

Il deputato sottolinea: "Berlusconi via via ha perduto la leadership del centrodestra, finendo per salvaguardare un esiguo 10 per cento, in un’alleanza del tutto subalterna a Salvini" e "se fin qui abbiamo dimostrato di essere decisivi in alcune scelte storicamente a cuore al centrodestra – come il Jobs Act, la responsabilità dei giudici, il blocco Irap per le aziende che fanno assunzioni – ora è venuto il tempo di proseguire sulla strada della collaborazione a viso aperto di un nuovo centro con il Pd di Renzi".

Un’alleanza elettorale con il Pd? "E’ tutto da verificare perché c’è bisogno di realizzare alcune modifiche alla legge elettorale, che per ora conferisce il premio di maggioranza alla lista e non alla coalizione".