Mattarella, lingua e cultura fiore all’occhiello dell’Italia

Sergio Mattarella, presidente della Repubblica Italiana, è per la prima volta in visita ufficiale in Vietnam. In occasione dell’incontro con gli studenti d’italiano al Tempio della Letteratura a Hanoi, il capo dello Stato ha messo l’accento sull’importanza della diffusione della lingua e della cultura italiana all’estero. Proprio per questo nella sua agenda come primo punto Mattarella ha fissato l’incontro con gli studenti d’italiano, “per evidenziare – spiega  – l’attenzione dell’Italia per i giovani, per la promozione culturale e per la diffusione della lingua italiana”.

Per il presidente “la cultura e’ il fiore all’occhiello dell’Italia, che vanta un patrimonio vastissimo, tra l’altro ospitando sul proprio territorio ben 51 siti Unesco oltre a innumerevoli musei, aree archeologiche e complessi monumentali”.

Rivolgendosi direttamente agli studenti, “sono dunque sicuro che ciascuno di voi ha deciso di intraprendere lo studio dell’italiano per avvicinarsi e approfondire specifici aspetti della nostra cultura, da quello letterario a quello musicale, da quello gastronomico e del design, ma anche del sistema produttivo ed economico".

“La lingua gioca un ruolo decisivo: e’ uno strumento insostituibile, non solo e non tanto perche’ permette la comunicazione fra individui, ma perche’ consente di avvicinare, condividere e confrontarsi su valori fondamentali, quali la tolleranza, l’amicizia e il rispetto per i diritti e le liberta’ altrui. Un avvicinamento ideale che non teme le distanze geografiche e che alimenta le sete di conoscenza e i rapporti fra i Paesi. In quest’ottica anche voi, cari studenti, rappresentate una testimonianza, forse la piu’ straordinaria, di quanto vivi siano i rapporti fra Italia e Vietnam. Vi invito, dunque, a continuare con entusiasmo su questa strada. Il vostro investimento in termini di energie, impegno e sacrifici produrra’ i suoi frutti e sara’ per voi la miglior garanzia di prosperita’ e crescita per il futuro".