Marvin Vettori, un sogno chiamato UFC che parte da Mezzocorona

Sull’ottagono c’è da aver paura di Marvin, che nel corso degli ultimi anni è stato in grado di far segnare una crescita pazzesca ed esponenziale che gli ha permesso anche di lottare per diventare campione del mondo di MMA

Che effetto fa diventare uno degli atleti forti di tutti i tempi delle arti marziali italiane? Si tratta di una domanda che è perfetta per Marvin Vettori, il lottatore trentino che si sta facendo conoscere in tutto il mondo e che è stato intervistato dal portale di scommesse sportive Betway.

Sul blog L’insider, infatti, Vettori ha messo in mostra anche una parte di sé poco conosciuta, con un carattere disponibile e gentile nei confronti di ogni domanda: tutto il contrario rispetto all’atteggiamento aggressivo e feroce che tiene sul ring. Sull’ottagono, in effetti, c’è da aver paura di Marvin, che nel corso degli ultimi anni è stato in grado di far segnare una crescita pazzesca ed esponenziale che gli ha permesso anche di lottare per diventare campione del mondo di MMA. Un record dopo l’altro, dato che in precedenza è stato il lottatore italiano già giovane a fare il suo esordio in questo universo.

Chi avrebbe puntato un soldo su Marvin?

In pochi, in effetti, avrebbero mai pronosticato una simile carriera, eppure lui non ha mai smesso di crederci, anche quando sembrava l’unico a pensare di poter raggiungere la MMA. Marvin ha scelto di fare MMA perché fin da ragazzino è sempre stato competitivo, apprezzando in modo particolare tutti gli sport di contatto. Crescendo, ha deciso di incanalare un po’ tutta questa energia che faceva parte della sua quotidianità e del suo spirito, nel mondo dello sport e, al contempo, si è appassionato nel guardare video in cui i protagonisti erano proprio dei fighter che, in seguito, sono diventati una vera e propria fonte di ispirazione. Marvin è rimasto completamente stregato da tutti questi match che venivano organizzati in Giappone che poteva ammirare online, affascinato da quello che si può tranquillamente definire come un vero e proprio show a tutti gli effetti.

Allenare il fisico? Sì, ma anche al mente è importante!

In tutti gli sport, ma in generale nella vita, ma ancora di più nelle discipline di combattimento, è importante allenare la mente, almeno tanto quanto allenare il fisico. Ci sono tantissimi esempi di fighter che sono indubbiamente molto forti in palestra, ma che, una volta arriva nel ring, non sono in grado di esprimersi a dovere. Quindi, è molto importante cercare di allenare in modo corretto e costante la mente.

C’è un segreto? Secondo Vettori, il vero e proprio segreto per poter diventare un fighter completo e forte anche a livello mondiale è quello di provare a conoscersi sempre meglio. Insomma, più esperienze si fanno, più situazioni di stress si va ad affrontare e più ci si conosce in tali situazioni. Come risponde la nostra mente in situazioni e scenari di forte stress? Saperlo in anticipo è un grande vantaggio, anche e soprattutto per via del fatto che, così facendo, si può gestire molto meglio l’espressione delle varie emozioni, indirizzandole e orientandole in base alle proprie esigenze.

Un consiglio molto importante per Marvin Vettori, che in fondo si può far valere non solo per questo sport, ma anche per ogni altra disciplina, senza dimenticare la vita di tutti i giorni. Cercare, naturalmente, di imparare ogni volta che si affronta una situazione di stress, portando con sé qualcosa dall’esperienza di cui far tesoro se dovesse capitare l’occasione di riaffrontare la stessa situazione o situazioni simili. Vettori, in effetti, ha messo in evidenza nel corso dell’interista che è stata rilasciata al blog L’insider, di sentirsi fortunato nel fare fighter, dal momento che deve affrontare quelle situazioni di stress molto più di frequente in confronto a una persona normale e questo aspetto gli torna utile anche nella vita di tutti i giorni.