Mafia Capitale, Santanchè (Fi): sciogliere il Comune di Roma e andare a votare

Daniela Santanchè, berlusconiana doc, intervenuta ad Agorà su Rai3, parlando dell’inchiesta Mafia Capitale che sta facendo tremare Roma, ha detto: “Lo spettacolo del ‘magna-magna’ della Capitale e’ sconvolgente. Quelle di Renzi sulla corruzione sono solo parole. Io non ho votato i condoni, gli indulti e non ho votato nemmeno la settimana scorsa lo stop alla carcerazione preventiva per i reati e la violenza di tipo sessuale. La settimana scorsa e’ stata votata la non obbligatorieta’ della carcerazione preventiva".

"Da un rottamatore come Renzi mi sarei aspettata i fatti: l’amministrazione di Marino – prosegue l’amazzone azzurra – e’ inquinata, ha speso 24 milioni in un anno per la gestione dei campi rom che sono andati alle coop che non sono quelle della pubblicita’ ‘le coop sei tu’. La foto del ministro Poletti e’ uno scandalo per le persone che c’erano. Non c’e’ bisogno della legge: bisogna sciogliere il Comune di Roma e andare a votare”.

“Il primo stipendio da sindaco, Marino l’ha devoluto alle coop. Bisogna scoperchiare la commistione tra amministratori locali e le coop. Qui ci mettono i finti profughi e fanno arrivare piu’ immigrati possibili perche’ ci prendono i soldi. Io difendo il Patto del Nazareno anche se oggi di legge elettorale e di riforme costituzionali non si mangia. Io sono d’accordo sul fatto che i ladri e i delinquenti bisogna mandarli in galera e vorrei avere la certezza della pena. In galera la gente in Italia ci sta troppo poco e in certi casi non ci sta neppure".

L’esponente di Forza Italia conclude: “Berlusconi e’ stato cacciato dal Parlamento, non si puo’ paragonare a chi ruba soldi alla gente. Sarebbe molto interessante parlare del sistema delle coop".