M5S, Pd e Fi votano no a stop vitalizi per senatori in carcere

"Il Pd a braccetto con Forza Italia ha votato contro la sospensione del vitalizio dei parlamentari in custodia cautelare previsto nell’ordine del giorno del M5S a prima firma Mario Giarrusso. Al stesso tempo ha evitato il voto sulla nostra proposta che avrebbe soppresso il vitalizio per i senatori condannati come ad esempio Silvio Berlusconi". Lo denuncia in una nota il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle in Senato.

"Questo – aggiungono – è avvenuto perchè il presidente Grasso e il questore Malan (Fi) hanno deciso di non mettere in votazione la proposta per sopprimere i vitalizi per i politici condannati. Berlusconi, Dell’Utri e Cuffaro ringraziano". "L’ordine del giorno Zanda (Pd) accolto senza votazione è aria fritta. Non impegna affatto il Senato in maniera inequivocabile a sopprimere i vitalizi per i condannati come da noi proposto", proseguono i senatori del M5S: "E’ sempre più evidente come il Pd ha le mani ben legate al tavolo del patto del Nazareno – concludono – serviva una parola chiara e decisa del Senato. Non è avvenuto. Siamo delusi dal comportamento del presidente Grasso che a parole ha sempre detto di condividere la nostra proposta".