L’INTERVENTO | Emergenza Covid19, Giorgia Meloni: “Governo naviga a vista”

“Fratelli d'Italia chiede di cambiare paradigma: se lo Stato riduce o azzera per decreto le entrate di una attività, non può limitarsi ad un contributo una tantum ma ha il dovere di intervenire sui costi fissi dell'impresa”

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, in un intervento pubblicato da quotidiano “Leggo” scrive: “L’esecutivo ha fatto poco o nulla per preparare l’Italia ad affrontare la seconda ondata dell’emergenza coronavirus. E la responsabilità di quello che sta accadendo è unicamente del Governo Conte, che continua a navigare a vista e a sfornare Dpcm ogni quattro giorni, ignorando tutte le proposte puntuali che Fratelli d’Italia ha formalizzato da marzo ad oggi per affrontare la crisi economica e contenere l’epidemia. Una su tutte, basata sui dati forniti dall’Istituto superiore di sanità: mettere in sicurezza gli anziani e le persone più fragili attraverso l’assistenza domiciliare medica”.

“Il Governo continua a fare da solo e con il suo ultimo Dpcm condanna a morte interi settori produttivi e filiere e mette a rischio milioni di posti di lavoro: ristorazione, sport, mondo dello spettacolo e turismo sono in ginocchio. Categorie e lavoratori delusi, disperati e arrabbiati che chiedono solo di lavorare e ai quali Fratelli d’Italia sta dando voce con un presidio permanente a pochi passi dal Parlamento,” sottolinea Meloni.

“Conte e i suoi ministri hanno il dovere di ascoltare la disperazione di queste categorie e di persone che chiedono provvedimenti seri e immediati, non l’ennesimo bonus del decreto ristoro. Fratelli d’Italia chiede di cambiare paradigma: se lo Stato riduce o azzera per decreto le entrate di una attività, non può limitarsi ad un contributo una tantum ma ha il dovere di intervenire sui costi fissi dell’impresa. Questa è la vera sfida per aiutare a sopravvivere le attività che hanno dipendenti, pagano affitti, leasing, utenze, tasse ed è su questo che vogliamo confrontarci perché è quello che gli italiani chiedono alle Istituzioni in questo momento drammatico: giustizia e buon senso”.