Italiani all’estero, Borghese (MAIE): “Con il MAIE al governo più Consolati, più personale, più risorse”

L’On. Mario Borghese, Vice presidente MAIE: “Con il MAIE nella stanza dei bottoni l’inversione di tendenza rispetto al passato è davvero impressionante: i Consolati aprono, prima chiudevano; più personale per la rete consolare, prima c’erano solo tagli; più fondi ad Ambasciate e Consolati, prima esistevano solo tasse per chi vive oltre confine”

Presidente e Vice presidente MAIE - Movimento Associativo Italiani all'Estero

“L’Ambasciata d’Italia a Santiago del Cile ha diffuso un avviso attraverso il proprio sito web in cui annuncia di essere alla ricerca di un ‘Responsabile unico’ che si possa dedicare al progetto di ampliamento della sede diplomatica; in particolare, verrà costruita una nuova ala e dato maggiore spazio agli uffici consolari. Tutto questo per venire incontro alle esigenze dei nostri connazionali, che giustamente richiedono, anzi pretendono, servizi consolari efficienti e in tempi dignitosi. E’ solo l’ultimo esempio in ordine di tempo: nuove sedi diplomatico-consolari sono state inaugurate nei mesi scorsi, altre lo saranno presto”. Lo dichiara in una nota l’On. Mario Borghese, Vice presidente MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero.

“Non c’è alcun dubbio, i fatti parlano da soli. Da quando il MAIE è al governo l’inversione di tendenza rispetto al passato è evidente: i Consolati aprono, prima chiudevano; più personale per la rete consolare, prima c’erano solo tagli; più fondi ad Ambasciate e Consolati, prima esistevano solo tasse per chi vive oltre confine. Sì, il cambio che c’è stato da quando il MAIE è presente nella stanza dei bottoni è davvero impressionante. Gli italiani nel mondo sono finalmente al centro di una vera politica di Stato, soprattutto grazie all’impegno del Sottosegretario agli Esteri Sen. Ricardo Merlo e al suo lavoro che non conosce pause. Gli italiani nel mondo ringraziano – conclude Borghese -, avanti così”.