Giubileo, Alfano: ci stiamo organizzando, sia festa mondiale di pace

"Sembra un paradosso, ma da quando abbiamo avuto l’esplosione dei flussi migratori, la percentuale di reati commessi da stranieri rispetto agli italiani è diminuita. Stiamo analizzando questa situazione e ho dato incarico alla Polizia criminale di approfondire questi aspetti per comprendere a fondo il fenomeno. Quello che credo è che abbiamo davanti nuove tipologie di delinquenti stranieri, più sofisticati e più violenti che hanno determinato addirittura l’elaborazione a livello comunitario della categoria della ‘criminalità itinerante’. In effetti il fenomeno è molto diffuso in tutta Europa e si stanno studiando misure adeguate". Lo afferma il ministro dell’Interno Angelino Alfano in una intervista al Quotidiano Nazionale.

Alfano sottolinea che "c’è una asimmetria tra la realtà e la percezione della sicurezza tra i cittadini. Questa asimmetria, purtroppo, è anche alimentata da quelle forme di populismo che speculano sulle paure e scommettono sulle sconfitte dello Stato per un mero ritorno elettorale. Nella realtà i reati calano: nel 2014 sono diminuiti del 7 per cento rispetto all’anno precedente e, nei primi sei mesi del 2015, di un altro 10 per cento rispetto al semestre dell’anno prima".

Il ministro annuncia che "il prossimo pacchetto sicurezza sarà orientato alla sicurezza dei luoghi, avrà come obbiettivo di rendere sicuri e fruibili i luoghi dove la gente vive, si incontra e svolge le sue principali attività. Sarà un bilanciamento tra intervento di tipo amministrativo in capo ai sindaci, il cui contributo è indispensabile per rendere sicure le città, e quello securitario dell’apparato statale della sicurezza, che comunque privilegerà la prevenzione rispetto alla repressione".

A proposito di Giubileo: "Ci siamo e ci stiamo preparando in modo adeguato al Giubileo perché sia una festa mondiale di pace, in una cornice di sicurezza, e perché si svolga in una città accogliente e non militarizzata. Tutte le nostre forze – Intelligence, antiterrorismo e forze di Polizia – si stanno muovendo in modo ordinato: abbiamo destinato già circa 1.200 unità tra Poliziotti, Carabinieri e Finanzieri; sono in assegnazione 1.000 soldati, sono state già fornite tutte le attrezzatture necessarie per i controlli quali i rapiscan, metal detector ed altro; è in avvio il numero unico di soccorso 112 europeo, che renderà l’attività delle sale operative delle forze di Polizia più snella e più coordinata. Ci siamo preparati al meglio, sia sul piano della prevenzione – che è quello che prediligo – che su quello del post eventum. Per l’occasione, al fine di coordinare ogni aspetto, abbiamo anche inviato una direttiva ai prefetti sul piano nazionale. Guardiamo al modello Expo che è stato un modello di sicurezza. Lo sarà anche il Giubileo".