Gentiloni, si rafforzano i rapporti tra Italia e Brasile

Seconda tappa politica a Brasilia, dopo quella piu’ strettamente economica a San Paolo, per il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, che oggi ha incontrato il vice presidente brasiliano Michel Temer, il suo omologo Mauro Vieira ed altri tre ministri del governo di Dilma Rousseff. Incontri politici ma con una attenzione particolare agli investimenti, visto che agli incontri hanno partecipato anche imprenditori e rappresentanti di grandi aziende italiane gia’ radicate in Brasile, come Fca, e altre che intendono cogliere l’occasione per aumentare i progetti nel colosso sudamericano, come ha confermato all’ANSA l’amministratore delegato di Finmeccanica, Mauro Moretti.

”I rapporti politici tra Italia e Brasile si rafforzano ed emerge la volonta’ di cooperare su diverse questioni, dai temi di politica internazionale a quelli piu’ strettamente economici. Abbiamo anche parlato di come l’Italia puo’ contribuire ad un obiettivo come quello di arriva alla conclusione finale delle intese tra l’Unione europea e il Mercosur. Un negoziato che va avanti da moltissimi anni e che avvia adesso ala sua fase conclusiva sarebbe un segnale molto importante anche di fronte ad altre grandi intese internazionali che sono state annunciate in questo periodo, penso all’Alleanza transpacifica”, ha detto Gentiloni.

”L’altro aspetto della nostra visita si e’ concentrato piu’ sulle relazioni economiche tra i nostri due Paesi. Sono relazioni importantissime: l’Italia e gli italiani sono una parte importante della storia e del lavoro del Brasile. C’e’ un’affinita’ speciale che affonda le radici nella storia, nella cultura. Un’affinita’ che ha consentito negli ultimi decenni lo sviluppo di importanti investimenti e presenze industriali ed economiche in Brasile. I nostri scambi commerciali ammontano a 7,9 miliardi di euro: si puo’ fare ancora di piu’ ma partiamo da una base molto importante. Il senso della mia visita e’ quello di confermare la fiducia nei rapporti tra i nostri due Paesi e nel futuro del Brasile. Noi non ci facciamo influenzare dalla congiuntura economica, anche se siamo attenti, ma guardiamo agli elementi fondamentali di un Paese. Il Brasile ha capacita’ imprenditoriali, innovative e potenzialita’ enormi e il fatto che un Paese amico come l’Italia sia presente, con le sue principali imprese, in un momento di congiuntura e’ un messaggio importante. Il messaggio sara’ articolato in diversi settori: in quello della difesa, delle infrastrutture, strade, ferrovie, porti e aeroporti, il tema energetico, con attenzione alle energie rinnovabili e infine sul terreno della ricerca spaziale. Il messaggio e’ che due tra le prime dieci economie mondiali collaborano trasferendo tecnologie e creando lavoro insieme. Questo e’ quello che fanno le imprese italiane in Brasile e ci auguriamo di poter avere sempre piu’ investimenti brasiliani in Italia”.

In serata il ministro Gentiloni partecipa ad una cena offerta dall’ambasciatore Raffaele Trombetta, cui partecipano decine di rappresentanti di aziende italiane e brasiliane ed esponenti del governo brasiliano.