Federica Gagliardi fermata a Fiumicino con 24 chili di cocaina

Federica Gagliardi è stata fermata per droga al suo arrivo all’aeroporto di Fiumicino. Aveva la cocaina con sè sull’aereo nascosta nel suo bagaglio a mano. La donna proveniva dal Sud America, probabilmente dal Venezuela. Sono ora in corso indagini per accertare a chi fosse destinata la cocaina. Sulla vicenda indagano gli uomini del Nucleo di polizia tributaria di Napoli, che hanno condotto l’operazione assieme ai colleghi di Fiumicino.

Federica Gagliardi, conosciuta anche come la “dama bianca”, era nella delegazione italiana per la visita dell’allora premier Silvio Berlusconi per il G8 di Toronto nel luglio 2010. A quanto si apprende Gagliardi è stata trovata in possesso di 24 chili di cocaina.

Bionda, fisico atletico, bella presenza, la donna non passò inosservata e molti si chiesero quale ruolo ricoprisse nella delegazione italiana. Risultò responsabile della segreteria del segretario generale della Regione Lazio. Per giustificare la sua presenza al summit di Huntsville fu spiegato che la Gagliardi, che aveva fatto parte del comitato elettorale di Renata Polverini, durante la campagna “aveva avanzato la richiesta di partecipare ad una missione all’estero in caso di vittoria elettorale”. Dal 2006 al 2007 ha lavorato nell’assessorato al Commercio del Comune di Roma.