Brunetta (Fi), ‘legge elettorale e subito al voto’

"Chi brindava alla sentenza della Corte costituzionale, vale a dire Quagliariello e compagni, deve ricredersi. Renzi vuole il bipolarismo, Grillo vuole il bipolarismo, Berlusconi vuole il bipolarismo, e bipolarismo sarà". Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, ai microfoni di Sky Tg24. "Vale a dire – sottolinea – una nuova legge elettorale che configuri e che confermi il sistema maggioritario e il sistema bipolare. Questo e’ fondamentale. Quello che ha fatto al Corte costituzionale e’ chiaro agli occhi di tutti: questo Parlamento non esiste piu’, questo Parlamento non esiste piu’ perche’ non c’e’ piu’ il premio di maggioranza. Il premio di maggioranza e’ stato dichiarato incostituzionale e questa maggioranza, Letta, queste piccole intese si reggono su un Parlamento che non ha piu’ il premio di maggioranza, quindi facciamo una legge elettorale e andiamo alle elezioni nel piu’ breve tempo possibile".

La legge elettorale la puo’ fare il Parlamento? "Questo ha detto la Corte costituzionale. Se la facesse prima della pubblicazione della sentenza sarebbe anche dal punto di vista formale tutto chiaro. Siccome la Corte costituzionale ad oggi ha fatto un comunicato stampa e ha promesso la pubblicazione della sentenza probabilmente dopo l’epifania, il Parlamento potrebbe nei prossimi giorni, basterebbe una settimana, fare una legge elettorale. Se Grillo, Berlusconi e Renzi si mettono insieme una legge elettorale si fa in una settimana", conclude Brunetta.