Billi (Lega), la geopolitica energetica priorità per lo sviluppo dell’Italia

“L’efficienza energetica rimane una delle priorità per permettere all’Italia di essere sempre più indipendente e di abbassare il costo energetico in modo green”

On. Simone Billi

“Oggi abbiamo incontrato in audizione alla Commissione Esteri il dott. Sartori, dell’Istituto Affari Internazionali, think tank consorziato con la Camera dei Deputati”. Lo dichiara l’on. Simone Billi, deputato della Lega eletto nella ripartizione estero Europa.

“Questo è il primo di una serie di incontri nell’ambito di una indagine conoscitiva sull’energia organizzata dalla Commissione Esteri”, spiega Billi, che prosegue: “L’energia è una priorità per lo sviluppo competitivo e sostenibile del nostro Paese, la geopolitica energetica è particolarmente importante perchè ne importiamo significativi flussi dall’estero”.

“L’efficienza energetica rimane una delle priorità per permettere all’Italia di essere sempre più indipendente e di abbassare il costo energetico in modo green – riassume Billi – la decarbonizzazione entro il 2025 e l’incremento delle fonti rinnovabili sono un altro importante obbiettivo da portare avanti, poichè il carbone impatta per il 25% sulla produzione elettrica e per il 75% sulle emissioni in Europa”.

“Le fonti energetiche rinnovabili utilizzabili in Italia sono diverse, poichè abbiamo aree del Paese più soggette a esposizione solare, altre a venti, altre ancora a risorse idriche, mentre in Toscana la geotermia assolve ad un ruolo importante”.

“Le infrastrutture energetiche, più reti, più potenti e le smart grid, sono un’altra priorità che deve essere bilanciata con il consenso locale per la loro costruzione” conclude Billi “progetti realizzati a regola d’arte e opere accessorie per il territorio impattato dalla loro costruzione sono le principali linee guida, per una politica che bilanci gli interessi nazionali con quelli locali”.