‘Di notte per i vicoli di Roma antica’, la rassegna estiva – di Beatrice Boero

Spettacoli notturni itineranti nel cuore della capitale. La rassegna estiva “Di notte per i vicoli di Roma antica”, presentata dall’associazione Anthena, propone una serie di interessanti eventi a carattere ludico-culturale, che riscoprono i luoghi più caratteristici e le bellezze romane.

Il 9, 10, 22, 23, 24 agosto sono in programma visite nel Rione Ponte, dal titolo: “Papa Gregorio VII e il suo Dictatus papae”. Un viaggio nella Roma medievale, accompagnati da Ildebrando Aldobrandeschi di Sovana, papa Gregorio VII, il pontefice capace di incidere profondamente nella Riforma della Chiesa del XI secolo. Suo il celeberrimo Dictatus papae, raccolta di ventisette proposizioni, ciascuna delle quali enuncia uno specifico potere del papa. Passeggiando per i vicoli di notte, Ildebrando ci condurrà a scoprire il Rione Ponte in epoca medievale e, attraverso gli interventi recitativi accompagnati da musica dell’epoca suonata dal vivo, ci farà conoscere la sua concezione politica e la sua appassionante vita.

Il protagonista della performance è Emanuele Gabrieli, accompagnato dal commento musicale di Diana Fazzini. I testi sono di Emanuele Gabrieli; l’adattamento di Emanuele Gabrieli e Lidia Popolano; la direzione artistica è di Flavio Gamboni. La durata dello spettacolo è di un’ora e mezza circa.

Proseguono inoltre le performance teatrali itineranti nella città: “Ti racconto la Storia del Pigneto”, che si terranno il 5 e 13 settembre. In questo itinerario un giovane attore, Roberto Di Marco, interagendo con il pubblico, ricostruirà la storia del quartiere Pigneto, la sua vocazione ad essere scenario cinematografico e la sua nuova inclinazione a integrare spazi giovanili e artistici come un novello “quartiere latino”, con ambiti e tempi di autentico e sentito spirito popolare. Il 22,30 e 31 agosto sarà la volta di: “Ti racconto la Storia del rione Monti”. La giovane attrice Ilaria Conti, impersonando in costume la sacerdotessa Aelia Romana, testimone dell’epoca imperiale, durante un vivace percorso notturno per le strade della Suburra e non solo, ricostruirà la vita e i dilemmi umani di Agrippina, madre di Nerone, alternando le performance descrittive, all’uso di linguaggi e atmosfere tipiche del teatro popolare. Per informazioni si può visitare il blog: www.newsanthena.blogspot.com.