Terremoto a Santo Domingo, panico nella Repubblica Dominicana

Terremoto nella Repubblica Dominicana: due scosse hanno colpito l’isola dei Caraibi questa mattina, intorno alle 10 ora locale. La prima scossa registrata di magnitudo 4.3 e la seconda di magnitudo 5.5 della scala Richter. L’epicentro del sisma è stato individuato nella provincia Duarte, nella località Las Guáranas. Panico e lievi danni, ma per fortuna fino a questo momento non si registrano vittime.

Il terremoto si è sentito con forza anche nella capitale, Santo Domingo, dove la terra ha tremato per alcune decine di secondi. Scosse avvertite anche nel Cibao, a San Cristobal, e in tutta la zona Est del Paese. Le autorità locali invitano i cittadini a mantenere la calma e avvertono della possibilità di ulteriori scosse. Intanto l’Instituto Sismológico dell’Università Autonoma di Santo Domingo ha informato che altri movimenti sismici si sono verificati vicino a Bani, nella provincia Peravia.

LA GENTE PER STRADA Appena avvertita la prima scossa, tantissime le persone che a Santo Domingo hanno abbandonato le proprie case e gli uffici nei quali si trovavano per lavorare. Sono scese in strada, in attesa di capire cosa stesse accadendo. Alcuni centri commerciali sono stati evacuati. Pochi minuti dopo la seconda scossa, che ha spinto i cittadini della capitale ad abbandonare definitivamente i propri posti di lavoro per tornare dai propri cari e assicurarsi che tutto fosse in ordine e non ci fosse alcun ferito.

LIEVI DANNI A EDIFICI Lievi danni a edifici sono stati registrati nella zona Est della Repubblica Dominicana e a San Cristobal. La situazione resta sotto osservazione. Il panico sta rientrando, anche se le autorità dominicane restano in allerta.