Santo Domingo, Merlo (MAIE): follia chiudere ambasciata d’Italia, da italiano mi vergogno

La battaglia del MAIE per la riapertura dell'Ambasciata d'Italia a Santo Domingo, riaperta proprio lo scorso 1 febbraio dopo due anni di battaglia da parte di tutta la comunità italiana della Repubblica Dominicana

Ricardo Merlo, fondatore e presidente del MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero, intervistato dal direttore di ItaliaChiamaItalia, Ricky Filosa, per il Listin Diario, il quotidiano più autorevole e più diffuso della Repubblica Dominicana, parla del caso che riguarda l’ambasciata d’Italia a Santo Domingo, la cui chiusura è prevista per la fine del 2014.

LEGGI L’INTERVISTA SUL LISTIN (IN LINGUA SPAGNOLA)

“E’ davvero triste che le nostre sedi diplomatiche all’estero vengano chiuse per ragioni di bilancio, come afferma il governo; anche se, in realtà, queste sono decisioni politiche. Da italiano, mi vergogno di queste scelte dell’attuale esecutivo”, sottolinea Merlo, che continua: “Chiudere ambasciate, consolati e istituti di cultura oltre confine, non solo nella Repubblica Dominicana ma anche in altri Paesi, come Uruguay e Svizzera, è davvero triste e vergognoso”.

“Noi del MAIE – continua – non accettiamo queste decisioni, che, ripeto, sono politiche, e dunque continueremo a lottare affinchè prima possibile possa riaprire a Santo Domingo l’ambasciata d’Italia”.

Nella lunga intervista, il deputato italoargentino dice anche di essere “molto dispiaciuto” del fatto che i parlamentari eletti nel Nord e Centro America non abbiano fatto nulla per contrastare la chiusura della sede diplomatica tricolore nell’isola caraibica. Di più: “votando a favore della manovra economica del governo Renzi – sostiene Merlo -, hanno votato contro gli italiani nel mondo”.

Il MAIE, ricorda il deputato nell’intervista con il Listin Diario, appena ha saputo che il governo italiano aveva intenzione di chiudere l’ambasciata di Santo Domingo, “ha organizzato proteste pacifiche, manifestazioni, una raccolta di firme e petizioni online. Inoltre a Roma abbiamo presentato interrogazioni parlamentari sul tema”.

GUARDA IL VIDEO DELLA MANIFESTAZIONE MAIE DAVANTI ALL’AMBASCIATA

Forti irregolarità in ambasciata? Se n’è parlato nei giorni scorsi. Ma Merlo sottolinea: “E’ assurdo confondere la cattiva amministrazione con la chiusura dell’ambasciata, perché se così fosse si dovrebbe chiudere il Parlamento, o Palazzo Chigi, perché ci sono stati periodi di cattivi rappresentanti del popolo. Se c’è stato un crimine – prosegue – chi lo ha commesso deve essere punito, ma confondere questo con la chiusura dell’ambasciata è assurdo e stupido”.

Merlo racconta che ha intenzione di essere nella Repubblica Dominicana molto presto e possibilmente di organizzare un congresso del MAIE Centro America proprio a Santo Domingo.