Santo Domingo, generosità italiana: pranzo di raccolta fondi per bimbi poveri

????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Si è svolta lo scorso sabato all’Hotel Acuarium una iniziativa di solidarietà promossa da Cesare Agliodo, gestore dell’hotel situato nella Ave. Espana di Santo Domingo, in favore di una associazione locale che si occupa di bimbi che vivono in situazioni di forte disagio sociale e di famiglie in grosse difficoltà economiche. Per l’occasione sono giunti nella capitale della Repubblica Dominicana connazionali da Boca Chica e San Cristobal.

Durante l’incontro i presenti hanno potuto pranzare con una pasta e fagioli alla veneta cucinata in modo magistrale da uno chef italiano. Come dessert, una fetta di panettone. Un pranzo a base di cucina italiana povera ma gustosa e genuina. L’offerta era di 500 pesos a persona, soldi che serviranno a far trascorrere un Natale più sereno e allegro a tanti bimbi dominicani.

Presente al pranzo di beneficenza anche Ricky Filosa, coordinatore del MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero in Centro America e Caraibi: “Il MAIE non poteva non partecipare all’iniziativa organizzata da Cesare Agliodo in favore dei bambini in difficoltà. Come Movimento – sottolinea Filosa in una nota – siamo da sempre vicini ai più deboli e siamo pronti ad appoggiare, con la nostra presenza e il nostro network, qualunque iniziativa tesa a rendere meno difficile la vita di chi è meno fortunato, a prescindere da colore della pelle o cittadinanza”.

“Ancora una volta – aggiunge l’esponente del MAIE – la comunità italiana si rende protagonista, pronta a tendere una mano ai più bisognosi. In queste occasioni riconosciamo l’Italia più bella, la parte di comunità italiana migliore”.

“L’augurio è che la prossima volta sia maggiore il numero degli italiani presenti, perché quando si tratta di dare una mano a chi ha bisogno – conclude Filosa –  nessuno di noi dovrebbe tirarsi indietro, soprattutto quando ci sono di mezzo i bambini”.

All’Hotel Acuarium c’era anche ItaliaChiamaItalia: presente al pranzo, infatti, Flavio Bellinato, nostro corrispondente dalla Repubblica Dominicana.