Salvini, io leader del centrodestra? Non ci credeva nessuno

Matteo Salvini, Italian Lega Nord (Northern League) Secretary delivers a speech during a rally on November 8, 2015 in central Bologna. Former center right premier Silvio Berlusconi said on November 5, 2015 he will gladly attend a rally organized by the rightwing, anti-immigrant Northern League (LN) at the weekend. AFP PHOTO / GIANNI SCHICCHI

“Ho due stati d’animo. Primo la soddisfazione. Non ci credeva nessuno, e invece il sondaggio dato l’altra sera da Bruno Vespa dice che la maggioranza degli elettori di centrodestra riconosce la leadership di Salvini. Secondo la grande responsabilità, ma siamo solo all’inizio". Cosi’ Matteo Salvini intervistato da Qn.

"Le primarie mi piacciono ma non le esigo. Pero’ agli alleati dico: siamo pari azionisti con la stessa dignità", sottolinea il leader della Lega Nord. "La cosa che cambia rispetto al passato e’ che ora il progetto cardine e’ il nostro. La gente vuole idee chiare, il bianco o il nero, non il grigio".

Salvini afferma che a Renzi chiedera’ un incontro: "Non si puo’ lavorare a colpi di tweet sulle emergenze. Prima l’agricoltura, so che non e’ un tema molto mediatico ma l’uomo e’ cio’ che mangia e io voglio capire se posso dare una mano a Bruxelles. Poi c’e’ la sicurezza, l’immigrazione, e i Comuni devono chiudere entro l’anno i bilanci. Il patto di stabilita’ congela nelle loro casse 20 miliardi… Voglio un incontro in tempi brevi".

Gli scandali in Vaticano? "Io difendo la Chiesa come istituzione, le parrocchie, gli oratori, per fortuna che ci sono. Spero non cada il baluardo della Chiesa Cattolica. Gli scandali mi sembra non escano a caso, e se un cardinale ha un attico di 400 metri quadri, chieda scusa".