Roma, multa direttamente a casa per chi va a puttane: fino a 500 euro

Roma bordello a cielo aperto. Le lucciole sono padrone assolute delle notti della capitale. E anche durante il giorno le strade della città vengono battute dalle prostitute. Un fenomeno difficilissimo da arginare e che di notte è causa, in certe zone, del blocco del traffico stradale. Cosa sta pensando il Campidoglio per risolvere la questione? Multe a casa ai clienti, anche solo per violazioni del codice della strada. Per le prostitute, invece, le sanzioni sarebbero meno pesanti.

"Stiamo pensando di multare i clienti", ha detto Rossella Matarazzo, vicecapo di gabinetto del sindaco con delega alla sicurezza. Ma la proposta non piace alle nove consigliere comunali del Pd. "La prostituzione e’ in primis un problema di tratta di esseri umani", dicono, e chiedono piu’ coordinamento con le forze dell’ordine e con le associazioni a difesa delle donne.

Nei mesi scorsi Marino aveva parlato in particolare di multare i clienti delle prostitute nelle zone frequentate dalle famiglie, con una sanzione recapitata a casa "in cui si dice chiaramente che la multa di 500 euro e’ legata al fatto che si intrattenevano" in strada per il sesso a pagamento. Un’ipotesi che pero’ aveva visto contrario il Garante della Privacy.

Il prefetto aveva detto che il fenomeno della prostituzione potra’ essere "fortemente compresso, se non annullato, attraverso multe salatissime nei confronti dei clienti". Oggi Matarazzo, che sta curando l’aggiornamento del regolamento di polizia urbana, fermo a 68 anni fa, ha spiegato: "Pensiamo di concentrare le sanzioni sui clienti che sono uno degli anelli della filiera, per un importo di 500 euro. Ma anche a una sanzione per la prostituta, di importo inferiore". "La sanzione arrivera’ a casa, cosi’ le mogli saranno ben liete di riceverla… – ha detto Matarazzo, dirigente di polizia in aspettativa -. Cosa ci sara’ scritto? L’indicazione della sanzione, magari semplicemente una violazione del codice della strada. Pero’ e’ difficile spiegare alla moglie perche’ ci si trovava alle 2 di notte sulla Salaria…".