Roma, Marino in divieto di sosta: ennesimo atto di arroganza del sindaco!

“Ieri sera – subito dopo aver partecipato, insieme ai due ex Consiglieri municipali Augusto Santori ed Emiliano Corsi del Comitato “DifendiAMO Roma”, a piazza Montecitorio alla fiaccolata a sostegno della richiesta di riportare a casa i due Marò – verso le ore 22.40 abbiamo visto il Sindaco Marino scendere dalla “macchina blu” accompagnato dalla scorta in zona piazza dei Caprettari / via di S. Chiara e subito dopo abbiamo notato la “famosa” Fiat Panda rossa del Sindaco Marino parcheggiata davanti ad una vetrina in via di S. Chiara nn. 3A – 4 in sosta vietata essendo ben visibile il cartello di “divieto di sosta” con sotto l’aggiunta della parola “Permanente”, mentre un’altra macchina bianca nella disponibilità del Sindaco era parcheggiata su piazza dei Caprettari nello stallo riservato ai disabili”. È quanto dichiara in una nota l’Avv. Francesco Figliomeni, già Presidente della Commissione Trasparenza dell’ex Municipio Roma VII.

“Provvedevamo a contattare la Centrale dei Vigili Urbani – ha aggiunto Figliomeni – ma, dopo circa una mezzoretta, giungeva un signore, probabilmente incaricato dal Sindaco, che apriva la portiera della Panda rossa dal lato passeggero e si dileguava in fretta e furia prima dell’arrivo dei Vigili Urbani che giungevano dopo circa cinque minuti ma, per sfortuna del Sindaco, la scena veniva ripresa dalle telecamere della trasmissione “Le Iene”, il cui servizio dovrebbe andare in onda stasera”.

“Alla luce di questo ennesimo atto di arroganza del Sindaco Marino che, oltre a non pagare le multe come fanno tutti i cittadini onesti, pensa di parcheggiare anche nelle zone vietate e di restare impunito dimostrando una particolare recidiva – ha aggiunto ancora Figliomeni – riteniamo che egli abbia bisogno di una incisiva rieducazione e comunque si debba dimettere immediatamente da Sindaco di Roma”.

“Nell’interesse della Città di Roma che merita un Sindaco veramente all’altezza ed al servizio della collettività – ha concluso Figliomeni – invitiamo altresì il Partito Democratico e gli altri partiti che sostengono il Sindaco Marino a ritirargli subito la fiducia in modo da riparare parzialmente al gravissimo errore commesso al momento di candidarlo alle elezioni dello scorso anno”.