Riforme, Schifani: la maggioranza politica è compatta

Il presidente dei senatori di Ap, Renato Schifani, parlando con i giornalisti al Senato sottolinea: “Ieri la maggioranza ha lavorato proficuamente per l’elaborazione di un emendamento, oggi presentato a firma Finocchiaro, Schifani, Zeller e Zanda che introduce chirurgicamente sull’articolo 2 al comma 5 la possibilita’ conferita agli elettori di poter scegliere i futuri consiglieri regionali senatori. Questa intesa ha trovato la condivisione, e dopo incontri interni al Pd anche la condivisione e l’accettazione della minoranza: la reputo un traguardo storico perche’ al voto delle riforme l’intera maggioranza politica che sostiene il governo Renzi si presenta compatta”.

"Ncd e’ stato elemento di supporto convinto e responsabile, non soltanto per il raggiungimento di questa intesa – sostiene Schifani – ma anche per aver proposto con l’emendamento Quagliarello proprio questa modalita’ di elezione dei futuri senatori attraverso leggi ordinarie che adotteranno le Regioni in autonomia, nel rispetto del sacro principio che la scelta dei futuri consiglieri regionali deve essere riconosciuta ai cittadini".

"Siamo alla vigilia di una grande svolta e ci accingiamo – conclude l’ex presidente del Senato – a una ipotetica maratona, carichi di responsabilità ma convinti che questo momento non possa sfuggire all’assunzione di grandi scelte nell’interesse del Paese".