Prete arrestato per pedofilia, sonniferi e porno per le vittime

E’ accusato di aver abusato di numerosi ragazzini gia’ da quando era sacerdote a Mandas (Cagliari), parrocchia che ha lasciato nel 2012 per passare a quella di Villamar, don Pascal Manca, arrestato ieri per pedofilia. Stando a quanto ricostruito dalle indagini, il prete si circondava di giovani, soprattutto maschi, mentre le femmine quasi non frequentavano la parrocchia perche’, a detta di molti, erano trattate male dal sacerdote.

I minorenni hanno riferito di essere stati sedati e di aver ricevuto foto e video pornografici. Il prete li invitava a fare gite, a mangiare la pizza o guardare la tv a casa sua. Ed e’ qui che, secondo le tante vittime sentite dagli inquirenti, che si sono consumati i fatti piu’ gravi.

Spesso il prete offriva alle sue vittime bibite – mai acqua, che diceva sempre di non avere – che contenevano Delorazepam, farmaco simile al Lexotan ma piu’ potente. I ragazzini poco dopo venivano colti da forte sonnolenza e si ritrovavano sul divano dove subivano gli abusi. Anche se semiaddormentati, i giovani ricordano e riferiscono qualche flash di quanto subito.

Il sacerdote avrebbe poi inviato foto e video di carattere pornografico a piu’ di un ragazzino. Uno di questi ha raccontato che per almeno tre mesi don Manca gli aveva mandato sul cellulare materiale di questo tipo ogni giorno. Lui, per cercare di farlo smettere, gli aveva raccontato di aver rotto il telefono e di non poter piu’ ricevere i suoi messaggi, ma per tutta risposta il religioso gli aveva promesso un cellulare nuovo in regalo.