Milan, Galliani: spero Berlusconi presidente per altri 100 anni

ADRIANO GALLIANI PH-RICH

Ne’ di Clarence Seedorf ne’ del futuro del Milan ha voluto parlare Adriano Galliani durante l’assemblea degli azionisti che ha approvato il bilancio, ma si e’ dovuto difendere dalle critiche di un socio che ha rievocato i tempi grami della gestione Farina. "Il Milan di Farina era fallito e noi l’abbiamo preso in tribunale, c’erano due istanze di fallimento e Berlusconi l’ha salvato", ha replicato Galliani: "Bisogna dare atto a Silvio Berlusconi che in 28 anni ha messo cifre iperboliche in questa societa’ e un po’ di gioie ce le ha fatte provare, 28 trofei e una miriade di secondi posti. Il presidente ha messo genialita’, passione e molto denaro per portare il Milan in alto. Preghiamo che Silvio Berlusconi faccia il presidente del Milan per i prossimi 100 anni. E lo dico da tifoso".

Pomeriggio importante, dunque, in casa Milan con il consiglio d’amministrazione, il primo nella nuova sede di via Aldo Rossi. C’è da valutare il bilancio: al 31 dicembre 2013 si registra una perdita di 15,7 milioni, ripianati da Fininvest con un innesto da 22 milioni. Si sottolinea che il monte ingaggi è passato da 176 a 144 milioni di euro ma anche i ricavi sono diminuiti da 275 a 254 milioni.

L’ad rossonero ha fatto il punto relativamente al fair play finanziario: "Siamo assolutamente in linea con le regole dell’Uefa. Non so come faranno altri club italiani che hanno perso 100-200 milioni negli anni passati".

Infine, una battuta sulla nuova sede di via Aldo Rossi: "Il merito va a Barbara Berlusconi. Abbiamo una finestra nel 2019, ad un prezzo già fissato, l’opzione di acquisto della sede".