Made in Italy, Anzaldi (Pd): governo difenda prosecco nel Regno Unito

"Il governo si attivi immediatamente con la Ue nei confronti del Regno Unito in difesa del prosecco, alla luce delle somministrazioni scorrette nei pub inglesi. Va chiarito se sono state prese misure, come sanzioni, e se non sia opportuno darne la massima pubblicità, per scongiurare ulteriori violazioni che danneggiano un comparto di eccellenza della nostra economia". Lo dichiara il deputato del Partito democratico, componente della commissione Agricoltura, annunciando la presentazione di una interrogazione al ministro dell’Agricoltura.

"Gli organi di informazione – spiega Anzaldi – riferiscono che nei pub inglesi verrebbe venduto prosecco ‘alla spina’, secondo quella che si configura come una vera e propria frode. In tal caso, saremmo di fronte ad un abuso molto grave, perpetrato non in qualche Paese sperduto ma in uno dei principali Stati dell’Unione europea. E’ necessario che venga fatta chiarezza, per tutelare un prodotto italiano di eccellenza e un comparto in grande ascesa, premiato proprio in questi giorni dalla stampa internazionale per il boom di prosecco negli Stati Uniti".

"Tra l’altro, visto che nei giorni scorsi – aggiunge Anzaldi – il governo ha annunciato l’investimento da 261 milioni per la comunicazione in difesa del Made in Italy all’estero, si potrebbe partire subito con una campagna di informazione, perché una cosa è bere prosecco, marchio registrato e protetto, un’altra è bere pseudo-vino con aggiunta di anidride carbonica, come sembra essere quello servito nei pub inglesi".