Italiani all’estero, CTIM ai Comites: ‘grazie per il lavoro svolto’

“Un lavoro prezioso e determinante, spesso sotterraneo e poco celebrato, ma ancor più significativo e dall’alto peso specifico. Ai 124 Comites diffusi in 38 Paesi del mondo, in previsione delle prossime elezioni previste nel prossimo autunno, il Ctim dedica un sentito ringraziamento e un pensiero a quanti hanno in questi anni operato per la salvaguardia degli italiani all’estero, così come il ministro Mirko Tremaglia avrebbe senza dubbio fatto”. Così si legge in una nota del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo.

Roberto Menia, segretario generale Ctim, parlando di Comites, afferma: il loro è un “ruolo assolutamente primario e da rafforzare ulteriormente, nella consapevolezza che in tempi di spending review, dove anziché colpire privilegi e sprechi si vuole direzionare la mannaia solo su sedi consolari e presidi culturali, occorre ricordare anche alle istituzioni l’apporto fornito proprio dai Comites al panorama degli italiani sparsi nei cinque continenti”.

“Ai 67 Comites situati in Europa, ai 23 in America latina, ai 4 in America centrale, ai 16 in Nord America, ai 7 in Asia e Oceania e ai 7 in Africa va il pensiero del Ctim, con l’augurio – conclude il comunicato – di proseguire con questo determinante e delicatissimo impegno”.