Immigrazione, 29 morti nel Canale di Sicilia. Boldrini, ‘orrore’. Salvini, ‘dimissioni Alfano’

Sono almeno 29 gli immigrati morti per assideramento dopo il soccorso nel Canale di Sicilia che ha portato in salvo circa 70 profughi provenienti dalle coste settentrionali del Nord Africa. Un’altra quindicina sono in gravissime condizioni. Da Palermo si è già attivata la macchina dei soccorsi, con un’equipe di medici, tra i quali il direttore sanitario dell’Asp, pronta a partire alla volta della maggiore delle Pelagie, dove l’arrivo delle motovedette è previsto per questa sera.

Il direttore sanitario della Guardia medica di Lampedusa, Pietro Bartolo, commenta: “E’ terribile, tra loro ci sono tanti giovani. Sono tutti bagnati, sono morti di freddo". Secondo una prima ricostruzione i profughi, già debilitati per la traversata sul barcone con il freddo e la pioggia, sono morti per assideramento durante e dopo il trasbordo sui mezzi della guardia costiera arrivati da Lampedusa.

"Orrore al largo di #Lampedusa. Persone morte non in un naufragio, ma per il freddo. Queste le conseguenze del dopo #MareNostrum". Lo scrive su Twitter la presidente della Camera Laura Boldrini.

Matteo Salvini, leader della Lega, se la prende con l’Europa e con il ministro dell’Interno italiano: “Altro sangue sulle coscienze sporche dei ‘falsi buoni’. Da domani a Strasburgo chiedero’ a Junker di sospendere Triton, operazione inutile e di morte. Cosi’ come e’ dannoso il ministro dell’interno italiano Angelino Alfano al quale resta solo una cosa da fare: dimettersi".

LA CATTIVERA SUI SOCIAL "Sempre pochi…", "Dispiace ma i problemi dell’Italia sono altri". Sono soltanto alcuni dei post pubblicati sui social network a commento della notizia dei profughi morti per ipotermia.