Immigrati, Zaia: no a migranti economici, intervenire in Nord Africa

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervenendo questa mattina ad Agorà Estate, su Rai3, ha detto: “Renzi deve passare dalle parole ai fatti. Se dice ‘basta piagnisteo al Sud’ ha l’occasione per dimostrarlo, ad esempio costringendo tutte le Regioni ad applicare i conti standard sulla Sanità. Avremo finalmente tutte le regioni virtuose e risparmieremo 30 miliardi di costi pubblici all’anno, che equivalgono ad un terzo degli interessi sul debito pubblico italiano. Purtroppo il Governo questa scelta non la fa".

Sul tema immigrazione: "Il Veneto e’ tra le prime tre regioni in Italia come numero di immigrati ospitati. Ne abbiamo gia’ 517mila, con un modello di integrazione che viene invidiato altrove. Quello che non possiamo accettare sono questi flussi stabiliti dal Governo, di persone che non stanno scappando dalla guerra, ma sono migranti economici. Bisogna intervenire nei paesi del Nord Africa, creando dei campi di accoglienza li invece che a Lampedusa".

Frana Cadore: "Un pezzo di montagna e’ sceso a valle. Abbiamo gia’ contato tre vittime, ma sul fronte dei dispersi non abbiamo ancora certezze perche’ potrebbero esserci degli stranieri di cui non abbiamo notizia. I volontari continuano le ricerche. I 150 milioni di euro annunciati dal Governo non bastano, ma aiutano. Dobbiamo pero’ recuperare un deficit di infrastrutture sulla tutela del territorio e sull’assetto idrogeologico. Bisognerebbe mettere i cittadini in condizioni di potersi assicurare sui danni da disastro ambientale, come accade in paesi piu’ civili del nostro".