Governo, Fassina: bluff di Renzi su Imu, così supera Berlusconi

"Mossa elettorale-bluff, così ha superato anche Berlusconi". Così, in una intervista ad Avvenire, l’ex deputato Pd Stefano Fassina commenta l’annuncio del premier sull’abolizione di Tasi e Imu: "Mi sembra un’operazione di marketing. In modo lucido, Renzi si riappropria del marchio del berlusconismo per quella parte di elettorato che ne è orfano. Si dà in pratica un bollino di interprete autentico di quel modello. Anzi, arriva a rinfacciare Berlusconi di aver rimesso l’imposta sulla casa insieme a Monti", "è una mossa elettorale, cinica. E’ evidente che Renzi si muove solo sulla base del consenso di breve periodo. Ora lui guarda alla prossima scadenza. Quando si doveva pagare la prima rata? A giugno 2016, quindi a ridosso delle amministrative quando potrà sbandierare quel risultato".

Fassina conclude: "Sul piano economico questa mossa non ha alcuna razionalità. Che senso ha far risparmiare quasi 4 miliardi di euro a tutti gli italiani, anche quelli ricchi, quando non diamo un euro a 6 milioni di poveri che ci sono in Italia, inclusi 1,6 milioni di minori?", "in attesa della Legge di stabilità, il premier si fa bello con gli annunci. Ma in tutta questa propaganda non viene mai indicato chi pagherà il conto", "si afferma sempre più il segno liberista del Pd", "per una Legge di stabilità davvero di svolta il governo dovrebbe puntare sugli investimenti più che sul taglio generale delle tasse".