Gli incapaci al governo che stanno uccidendo l’Italia – di Marco Chierici

Gli italiani si sono recati al voto oltre un mese fa, dopo oltre un anno di lacrime e sangue ad opera di un governo che ha dimostrato solo la banale capacità irritante di aumentare tutte le tasse possibili. E siamo ancora qui ad aspettare una soluzione che non arriva. Fra tre mesi un altro aumento dell’IVA si mostrerà un ennesimo boomerang per le stupide e mal gestite casse del fisco. Sarà un boomerang molto simile all’applicazione del superbollo auto. Per questo dispettoso balzello, il mercato, con il suo enorme indotto che esisteva attorno alle auto di una certa cilindrata, considerata da ricchi, è crollato, causando un grave danno allo stesso Stato che decise di punire i proprietari di vetture di classe alta. Hanno così subìto una frenata tragica i passaggi di proprietà, gli acquisti di autovetture, i fatturati delle case automobilistiche, il commercio di pneumatici, i volumi d’affari di officine specializzate, di compagnie assicurative. Per concludere la parentesi, lo Stato (che siamo noi) ha subìto un enorme danno, quantificato in decine di milioni di euro all’anno, per la propria imperdonabile imbecillità. Lo stesso errore si ripeterà con l’aumento dell’iva, il secondo deciso dal governo in carica. Lo Stato prevede di incassare 1,8 miliardi di euro, ma peccato che la gente, ormai allo stremo, non comprerà più nulla e di conseguenza anche l’IVA incamerata da un governo di teorici incapaci, avrà un calo impressionante. Le aziende che lavorano con i privati subiranno un altro danno terribile e anche l’evasione si impennerà di nuovo. Per quale ragione un privato di fronte alla scelta di pagare 100 in nero opterà di pagare 122 con la fattura?

Brutti ragionieri dei miei stivali, quando diamine entrerà nel vostro cervello che nessuna ripresa sarà mai possibile senza una diminuzione delle tasse e tagli mirati alle spese inutili? Spese inutili che continuate a farci sopportare con arroganza e alterigia: scorte armate, migliaia di auto blu, pensioni d’oro vergognose, stipendi pubblici vergognosi, Enti inutili costosissimi. Con quale coraggio ci proponete dei Giuliano Amato al Quirinale o a Palazzo Chigi se sono l’emblema di una casta che gode di oltre 30.000 euro di pensione al mese? La corda si sta strappando; si sta toccando il fondo e le conseguenze potrebbero essere da guerra civile.

Ora le tre parti politiche fanno i capricci calpestando centinaia di cadaveri di imprenditori e lavoratori che si sono suicidati per la disperazione. Io vorrei un dittatore con le palle, eletto per un tempo determinato, capace e audace, per risolvere le urgenze senza fronzoli e senza interruzioni o mediazioni. Non possiamo leggere e accettare che tra le priorità del Bersani incaricato vi siano provvedimenti come il conflitto di interessi, le unioni dei gay e la cittadinanza agli immigrati. Cazzo, non sono queste le priorità di una nazione che sta morendo! Dannazione!