Giorgia Meloni, Berlusconi non pretenda di giocare come vent’anni fa

Silvio Berlusconi “è sicuramente un protagonista della politica italiana, purché non decida di giocare lo stesso ruolo che ha giocato vent’anni fa, negli ultimi vent’anni, come se Maradona volesse tornare a giocare nel Napoli. Può essere un ottimo allenatore, un ottimo presidente di squadra, un ottimo tante cose, ma non un’ottima punta”. Lo dice Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24.

“Forza Italia è sicuramente una parte consistente del centrodestra – spiega Meloni – e finché gli italiani continueranno a suffragare il partito di Berlusconi, bisognerà fare i conti con il partito di Berlusconi, è democrazia anche questa”.

SANZIONI ALLA RUSSIA? UN’IDIOZIA “La mia idea di orgoglio nazionale non è quella che ha Renzi. Vorrei un’Italia che fosse effettivamente riconosciuta per il suo valore sulla scena internazionale. Noi abbiamo sottoscritto le sanzioni contro la Russia, che sono una cosa ridicola”. Le sanzioni vanno abolite aggiunge la Meloni, “l’Italia dovrebbe assolutamente ritirare la sua firma, le sanzioni sono una cosa idiota per l’economia italiana ed europea, e nessuno dice che i pezzi di mercato che stiamo perdendo noi li recuperano altri. Ma anche perché in questo periodo storico, noi non abbiamo nessun interesse a spingere la Russia verso la Cina e verso l’Asia, è una cosa stupida”.

A proposito della situazione internazionale e della lotta contro l’Isis l’On. Giorgia Meloni sottolinea come  “la comunità internazionale debba intervenire contro l’Isis”. Per esempio, chiede Minoli, lei bombarderebbe l’Isis in Siria? “Assolutamente sì. Credo che sia un’umanità un tanto al chilo, ridicola, quella di un’Europa che dice, noi dobbiamo accogliere i siriani che arrivano da noi senza porsi il problema da che cosa scappano i siriani. Se vuoi essere veramente umano devi andare a combattere le cause da cui questa gente scappa perché la vita di chi arriva qui non vale meno di chi muore sotto le bombe o di chi muore massacrato dall’Isis, in Siria, in Iraq, in Libia o in Nigeria. Io penso che la comunità internazionale, e se fossi Renzi questo andrei a sostenere, dovrebbe intervenire a fianco dei governi legittimi, perché ci sono governi legittimi, che in Siria, in Iraq, in Libia, in Nigeria combattono contro il fondamentalismo che è il nostro principale nemico”. Infine la leader di FDI si schiera in politica estera con la Russia, esprimendo la sua preferenza tra Obama e il presidente russo così: “Oggi assolutamente Putin, credo che in politica internazionale Obama sia il peggiore presidente degli Stati Uniti della storia”.