Forza Italia rilancia tesseramento: ‘più vicini alla gente’. Berlusconi vede Fitto

Silvio Berlusconi ha incontrato oggi a palazzo Grazioli l’europarlamentare azzurro, Raffaele Fitto, che al termine del lungo pranzo di lavoro spiega: “E’ stato un incontro positivo ma interlocutorio. Dobbiamo proseguire nel confronto". In via del Plebiscito sono stati ricevuti anche Denis Verdini e Niccolò Ghedini.

Intanto è partita la campagna di adesioni di Forza Italia per i congressi comunali che dovrebbero tenersi ai primi di gennaio. Il partito vuole riorganizzarsi sul territorio, come più volta ha ribadito il Cavaliere: “dobbiamo rilanciare Forza Italia, essere più vicini alla gente”. Così si parte dal basso. Sul sito web azzurro è stato pubblicato un vademecum per il versamento della quota di eletti e aderenti. In home page spicca il “tariffario”, da 30 a 1000 euro.

BERLUSCONI: "PRIMARIE PESSIMO STRUMENTO"

Entro il 15 dicembre affluiranno tutti i dati dei tesserati ed entro la fine del mese si tireranno le somme per poi avviare, all’inizio del 2015, le assemblee locali, come preferisce chiamarle Silvio Berlusconi, lasciando il termine congressi alla iconografia comunista.

Sono evidenti gli obiettivi principali dell’operazione. Prima di tutto, rastrellare soldi grazie alle quote d’iscrizione, visto che i conti restano in rosso; a San Lorenzo in Lucina, infatti, il piatto piange, e anche il partito dell’uomo di Arcore deve fare i conti con l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Si punta poi a rafforzare il partito sul territorio e a rinnovare la classe dirigente. “Abbiamo bisogno di volti nuovi”, ha sottolineato a più riprese Berlusconi durante gli scorsi mesi.

LA SMENTITA Berlusconi smentisce con una nota quanto riportato dalla Repubblica, secondo cui il Cav – in tema di legge elettorale – avrebbe detto che le preferenze sono utili: "Fedele ad una abitudine ormai inveterata, anche oggi Repubblica ha servito ai suoi lettori la solita ’rivelazione’ con la relativa e conseguente ’svolta’. Questa volta sulla legge elettorale e su quello che penso delle preferenze. Peccato che l’una e l’altra siano inventate e non rispondano minimamente al mio pensiero".