Elezioni Comites, Menia (Ctim): un disastro di dimensioni bibliche

??????????????

"Elezioni Comites, un disastro annunciato. E adesso?": se lo chiede il Segretario Generale del Comitato Tricolore per gli italiani nel mondo, Roberto Menia, a proposito del rinnovo tanto discusso.

In un corsivo pubblicato sul magazine targato Ctim, "Prima di tutto Italiani", Menia osserva che "forse a qualcuno alla Farnesina fischieranno le orecchie in attesa della bordata di fischi che riceverà delle comunità italiane all’estero, se mai decidesse di andarle ad incontrare. Le elezioni dei Comites si stanno rivelando un disastro di dimensioni bibliche, una figuraccia di proporzioni gigantesche per gli apprendisti stregoni che hanno messo in moto un meccanismo, del costo di nove milioni di euro, che si sta ritorcendo ora contro loro stessi".

Il motivo? "Il complesso delle norme cervellotiche che vogliono la registrazione preventiva per poter votare, oltre a numeri esagerati e procedure più complicate di quelle riservate alle elezioni del Parlamento italiano per presentare una lista, ha portato alla scomparsa, già certificata per assenza di liste di candidati, dei Comites di importanti città e capitali d’ogni parte d’Europa e del mondo".

Il riferimento è alla mancata presentazione ad Atene, Bangkok, Barcellona, Bucarest, Chicago, Detroit, Dublino, Edimburgo, Lisbona, Nizza, Oslo, Perth, Praga, Stoccolma, Vienna, Madrid, fra le altre. Menia conclude: "Bella impresa. Bravi. E ora?".