CORONAVIRUS | Messico, dimesso il primo paziente trovato positivo

L'uomo, 35 anni, considerato al momento con "basse o remote" possibilita' di contagio, e' stato dimesso e mandato a casa dopo circa una settimana di ricovero

E’ stato dimesso il primo paziente messicano scoperto positivo al test per il nuovo coronavirus. Lo riferiscono le autorita’ sanitarie del paese nordamericano segnalando che gli altri quattro casi sin qui confermati nel paese rimangono al momento in condizione di isolamento.

L’uomo, 35 anni, considerato al momento con “basse o remote” possibilita’ di contagio, e’ stato dimesso e mandato a casa dopo circa una settimana di ricovero presso l’Instituto nacional de enfermedades respiratorias (Iner).

I cinque casi sin qui registrati, hanno ribadito i responsabili della salute, sono tutti “importati” da persone che hano viaggiato in Europa: al momento non ci registra una circolazione locale del virus, ma l’attesa e’ che lo scenario possa cambiare nei prossimi giorni.

Il Messico e’ il secondo paese dell’America latina – dopo il Brasile – ad aver denunciato la diffusione del virus. Altri casi si sono registrati in Ecuador, sei persone, e nella Repubblica Dominicana, una persona.