Comites, Garavini (Pd): associazioni italiane all’estero facciano la loro parte

"Le Associazioni italiane all’estero possono giocare un ruolo determinante per la buona riuscita delle elezioni Comites. Anzi, questo importante appuntamento elettorale può essere un’occasione anche per l’associazionismo per rilanciare il proprio contatto con i connazionali e per sostenere le candidature di propri giovani rappresentanti". Lo ha detto Laura Garavini, ospite della Colonia Libera Italiana di Friburgo, intervenendo al dibattito promosso dal presidente, Nicolò Adamo, e dal segretario della Colonia, Fernando Ardito. All’incontro ha partecipato anche il console di Ginevra, Alberto Colella, il sindaco della città, Pierre Alain Clement e il deputato del Parlamento svizzero, Xavier Ganioz.

"E’ vero che i tempi sono molto stretti – ha commentato ancora Garavini -. E il fatto che i connazionali per potere votare si debbano registrare preliminarmente rende il tutto ancora più complicato. Ciò nonostante va dato atto all’attuale governo di tenere in alta considerazione gli italiani all’estero: dopo anni di rinvii e di tagli il governo Renzi rispetta la legge, accoglie le nostre richieste storiche e soprattutto stanzia ingenti risorse per ridare voce alle nostre rappresentanze di base. Adesso tocca a noi. Non possiamo sprecare questa occasione o ancora peggio, come sta facendo la destra, non possiamo boicottare queste elezioni. Anzi, proprio le associazioni possono esserne protagoniste, candidando i loro esponenti migliori e sensibilizzando i loro iscritti e simpatizzanti a partecipare. Se c’è una larga mobilitazione sui territori, anche da parte delle associazioni – ha concluso Garavini – sono certa che saremo in grado di trasformare il rinnovo dei Comites in un importante appuntamento per tutta la comunità italiana".